Pescara, il Consiglio comunale approva nuova localizzazione sede del Sert

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1819

PESCARA. La nuova sede del Servizio per le Tossicodipendenze di Pescara, il Sert, sorgerà all’interno della cittadella ospedaliera.


L'assessore all'Urbanistica, Marcello Antonelli, ha specificato che sicuramente questa scelta non rappresenta la dislocazione migliore per una struttura che svolge prestazioni di tipo particolare, ma comunque «l'unica soluzione possibile in questo momento, necessaria per restituire serenità alle centinaia di famiglie che vivono una condizione di esasperazione nella palazzina di Largo Lama».
Antonelli ieri ha presentato in aula la delibera approvata con 29 voti favorevoli, delibera resa immediatamente esecutiva per consentire il rilascio tempestivo della licenza edilizia.
«Nel maggio del 2008 – ha ricordato l'assessore – la vecchia dirigenza della Asl e la passata amministrazione comunale di centrosinistra hanno annunciato di aver affidato l'appalto per la costruzione della nuova sede del Sert nell'area situata a ridosso del parcheggio a silos dell'ospedale civile, lavori aggiudicati all'impresa Di Carmine. Dopo quattro mesi abbiamo però scoperto che il cantiere non poteva essere aperto perché né la Asl né il Comune erano proprietari dell'intera area individuata per la costruzione della struttura, aprendo un contenzioso che il centro-sinistra non è riuscito a dirimere, congelando il progetto, l'appalto e l'intera vicenda. Quando ci siamo insediati abbiamo ripreso in mano il progetto e, dinanzi alla prospettiva di vedere nuovamente dilatarsi i tempi, abbiamo individuato la soluzione più opportuna, ossia abbiamo traslato il fabbricato, lo abbiamo spostato di pochi metri rispetto alle previsioni evitando di occupare la fetta di terreno oggetto del contenzioso, che a questo punto proseguirà il proprio iter senza interferire con le opere».
L'intervento è stato rimodulato e adesso dovrà ripartire.
I lavori per la realizzazione della struttura, di competenza della Asl, ora richiederanno almeno 9 mesi.
Intanto sono state rinviate alla prossima seduta ordinaria del Consiglio le due delibere presentate dall'assessore alle Entrate Massimo Filippello: la prima riguardava l'interpretazione autentica della norma per l'applicazione della Tarsu sulle aree scoperte pertinenziali, sulla quale si è deciso di chiedere un parere legale sulle competenze prima di procedere con la votazione.
La seconda delibera riguardava invece l'approvazione del nuovo Regolamento della Tassa sui Rifiuti solidi urbani.
«Contro la delibera sono stati presentati 80 emendamenti – ha detto l'assessore Filippello – che ovviamente richiedono un approfondimento da parte degli uffici. Per garantire la massima concertazione, trasparenza e condivisione abbiamo deciso di verificare le richieste del centro-sinistra che però, in questa sede, è chiamato a esprimersi solo sulla correttezza della nuova disciplina Tarsu proposta. A quei consiglieri di opposizione che hanno chiesto di vedere allegate alla delibera anche le tariffe, ricordo che le stesse sono di competenza della giunta e non del Consiglio». Rinviata alla prossima seduta anche la delibera inerente la costituzione della Commissione Taxi.

SERT, SCONTRO ANCHE IN CIRCOSCRIZIONE

E la nuova sede del Sert ha creato frizioni anche nel consiglio circoscrizionale colli.
«Dopo la lunga ed annosa diatriba sulla delocalizzazione del Servizio per le Tossicodipendenze», sostiene Lorenzo Rossi (Pdl), «dopo innumerevoli discussioni sul luogo, sui tempi, sui modi dell'azione ormai improcrastinabile, grazie all´attuale amministrazione comunale si è giunti alla soluzione che risolve il problema. Eppure i tre consiglieri di circoscrizione del Pd hanno predisposto perfino dei manifesti in cui si appropriano del merito della risoluzione del problema. E´ evidente che il gruppo del PDL alla Circoscrizione Colli non ci sta a questa mistificazione della realtà».

06/02/2010 9.54