Legato e imbavagliato per ore: gioielliere rapinato a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3600

PESCARA. Legato, imbavagliato e lasciato chiuso all'interno del negozio dove è stato visto, attraverso la vetrina, da un passante che ha dato l'allarme.
E' accaduto al titolare di una gioielleria del centro di Pescara, Nunzio Pagani.
Quando i soccorritori lo hanno slegato, l'uomo era spaventato ma non presentava ferite.
La gioielleria "Casa d'Oro", in via Venezia, è stata ora transennata; il transito delle auto è stato deviato.
Sul posto, personale della Squadra Mobile della Questura pescarese, carabinieri, guardia di finanza e "118". Da un primo esame dei locali sembra manchino alcuni preziosi. Si sospetta una rapina.
Gli inquirenti non sono ancora in grado di dire quanto tempo il titolare sia rimasto immobilizzato né le modalità precise della presunta rapina.

28/01/2010 13.01

UN UOMO E UNA DONNA RICERCATI

Si tratterebbe di una coppia di rapinatori (un uomo ed una donna) ha approfittato della pausa caffé fatta nel bar di fronte al suo negozio dal titolare di una gioielleria di via Venezia, a Pescara.
Ora la coppia è ricercata.
Nel negozio, "Casa d'Oro", i due sono entrati con il proprietario, Nunzio Pagani, minacciato con una pistola.
Una volta nei locali, i rapinatori hanno legato e imbavagliato l'uomo portando via quanti più gioielli possibile.
Per ritardare le ricerche uscendo la coppia si è chiusa dietro la porta della gioielleria, più tardi sfondata dai soccorritori.
Pagani è stato notato da un passante, che ha dato l'allarme, attraverso la vetrina.

BOTTINO DA 200MILA EURO

Ammonterebbe a a circa 200 mila euro il bottino della rapina.
L'episodio sarebbe avvenuto in tarda mattinata. Un uomo di bella presenza insieme ad una donna appariscente sono entrati nel negozio con la scusa di comprare un anello 'solitario' e quando il proprietario della gioielleria si e' girato per aprire la cassaforte gli hanno puntato una pistola.
Poi gli hanno sbattuto la testa contro la cassaforte e l'uomo ha perso i sensi.
Quando ha ripreso conoscenza si e' ritrovato legato.
I due ricercati non avevano un accento particolare

28/01/2010 15.27



Visualizzazione ingrandita della mappa