Inchiesta Bioster, indagati respingono accuse. Interpellanza a Chiodi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

5063

PESCARA. Hanno respinto le accuse gli indagati arrestati nei giorni scorsi per l’illecito utilizzo di gas tossici nella sterilizzazione di attrezzature chirurgiche ed alimenti.


Ad inizio settimana la Procura di Pescara ha disposto la custodia cautelare per 13 tra dirigenti e dipendenti dell'azienda Bioster S.p.A. di Seriate per quanto riguarda l'attività che essa svolge presso il suo stabilimento di Popoli.
Gli inquirenti hanno rilevato una serie di irregolarità nelle operazioni di sterilizzazione dei ferri chirurgici e degli alimenti nell'ospedale di Pescara.
Ieri mattina davanti al gup Luca De Ninis sono comparsi i quattro arrestati che lavorano allo stabilimento di Popoli, Ketti e Antonio Luccitti, Domenico Bucci, Francesco Anastasi.
Nel corso dell'interrogatorio di garanzia Antonio Luccitti e Domenico Bucci, difesi dall'avvocato Sabatino Ciprietti, hanno respinto le accuse.
Il legale ha presentato istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare.
Francesco Anastasi si è avvalso invece della facoltà di non rispondere mentre il suo difensore, l'avvocato Tommaso Marchese, ha annunciato che farà ricorso al riesame.
L'avvocato Arcangelo Finocchi, che difende Ketty Luccitti, ha riferito che presenterà una memoria nei prossimi giorni.
Gli altri interrogatori saranno effettuati per rogatoria: gli arresti sono stati eseguiti, infatti, oltre che in provincia di Pescara, in quelle di Frosinone, Bergamo e Brescia.

L'INTERPELLANZA A CHIODI


Lo stabilimento di Popoli della Bioster provvedeva alla sterilizzazione di ferri e materiale chirurgici e di derrate alimentari destinati ad ospedali pubblici e cliniche private abruzzesi ed extraregionali.
L'azienda gestisce la centrale di sterilizzazione dei nosocomi di Pescara, Penne e Popoli sin dal 2001.
I consiglieri regionali Antonio Saia (Comunisti Italiani) e Maurizio Acerbo (Rifondazione Comunista) hanno presentato una interpellanza sulla vicenda e l'attenzione dei due si concentra proprio sulla proroga dell'appalto «scaduto dal 2006», spiegano i due, «e sempre e puntualmente confermato ogni 6 mesi sino ad oggi con procedure quanto meno discutibili».
Il provvedimento restrittivo, (e di sequestro dell'azienda), da parte della magistratura è stato causato dal fatto che per la sterilizzazione del materiale chirurgico e degli alimenti che distribuisce ai ricoverati sarebbe stato usato l'ossido di etilene, gas probabilmente nocivo alla salute e potenzialmente cancerogeno, che, tra l'altro, non sarebbe stato rimosso dalle sacche di ferri sterilizzati prima della loro consegna agli ospedali.
«Tutto ciò», continuano i due consiglieri, «perdura da tempo malgrado che il sindacato Filcea-Cgil avesse ripetutamente segnalato alla ASL ed al Servizio Ispezione del Lavoro numerose irregolarità sia sulle modalità con cui veniva fatta la sterilizzazione, sia sui locali in cui veniva svoltò il lavoro, sia sulle modalità di trasporto del materiale sterile e delle derrate alimentari, sia sulla scarsa attenzione alla salute dei Lavoratori dipendenti addetti alla sterilizzazione».
Per questo Saia e Acerbo interpellano il presidente della Giunta Regionale e l'assessore Regionale alla Sanità per sapere se e quale tipo di vigilanza attiva è stata messa in atto da parte della Asl di Pescara, se e quale tipo di vigilanza è stata effettuata circa la tutela della salute e della sicurezza dei Lavoratori addetti alla sterilizzazione, se e quali rischi sono derivati alla salute dei pazienti ricoverati presso gli Ospedali di Pescara, Popoli e Penne dall'utilizzo dell'ossido di etilene.
I due consiglieri vogliono sapere anche se ci sono altre strutture ospedaliere pubbliche e private che si sono servite dell'opera della suddetta ditta e soprattutto perchè la Asl, «malgrado le ripetute denunce e segnalazioni di irregolarità da parte del sindacato Filcea Cgil ha continuato per anni a prorogare l'appalto del servizio di sterilizzazione alla suddetta azienda, senza alcune trasparente procedura».

22/01/2010 12.04

[url=http://www.primadanoi.it/notizie/24580-Usavano-gas-nocivi-per-sterilizzare-attrezzi-chirurgici-13-arresti]GLI ARRESTI DEI GIORNI SCORSI[/url]