Ordigno esplode davanti la sede dell’associazione Terra Nostra

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3607

PESCARA. Un ordigno, posizionato da ignoti, ha mandato in frantumi, nella nottata tra martedì e mercoledì, la vetrina della sede dell’associazione Terra Nostra in via Vespucci.
E' stata danneggiata la serranda in metallo ed è andata in frantumi la vetrina e la porta d'ingresso.
A provocare i danni sarebbe stato un ordigno simile ad una bomba carta che è esploso intorno alle due di questa mattina, una esplosione avvertita distintamente da tutto il quartiere.
L'associazione Terra Nostra, che si definisce «associazione apartitica», negli ultimi tempi ha portato avanti una serie di iniziative volte alla conoscenza e al disvelamento di logiche e dinamiche che opererebbero anche nella nostra realtà locale ed in qualche modo distorcerebbero il fine delle istituzioni verso il bene comune.
Il sodalizio capeggiato da Gianluca Monaco porta avanti le battaglie sulla proprietà popolare della moneta e cerca di far luce sui fenomeni di corruzione ed intrecci tra finanza, politica e lobbies occulte.
In ordine di tempo l'ultimo lavoro di ricerca pubblicato da PrimaDaNoi.it è la ricostruzione della
“mappa del potere” di Pescara e dintorni la quale evidenzierebbe alcuni punti di contatto tra enti pubblici, banche, fondazioni e politici di entrambi gli schieramenti.
«Una commistione pericolosa tra pubblico ed interessi privati», sostengono dalla associazione, «che, nel corso degli anni, hanno portato a sviluppi clamorosi con le inchieste del pool di Pescara e di altre procure».
L'attentato, oltre i danni materiali, non ha causato feriti.
«La sede dell'associazione, infatti», spiega Monaco, «ospita, occasionalmente, una persona che non ha un alloggio fisso, e da alcuni giorni, per sua fortuna, questa persona, si trovava altrove al momento della esplosione. Il bilancio, dunque, poteva essere gravissimo e solo la sorte ha evitato esiti peggiori. Un attentato intimidatorio, quindi, che non ha raggiunto i suoi scopi. Terra Nostra continuerà nella sua opera di trasparenza e di impegno sociale», conclude Monaco, «per quanto i risvolti dell'attentato effettuato a nostro danno, abbiamo sporto una denuncia contro ignoti presso la Questura cittadina e chiederemo l'acquisizione dei filmati delle telecamere deputate alla videosorveglianza degli esercizi della zona ai fini dell'identificazione degli autori di questo gesto vigliacco».

20/01/2010 13.04


* L'ATTIVITA' DI TERRA NOSTRA DEGLI ULTIMI MESI