Anas:«La variante di Quadri terminata entro l'anno»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1979

CHIETI. Il 2010 sarà l'anno dell'apertura della variante di Quadri ed entro 12 mesi sarà completata la fase progettuale per il completamento della superstrada a scorrimento veloce della Val di Sangro.

Lo ha comunicato con una missiva il presidente dell'Anas, Pietro Ciucci.
Il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, qualche giorno dopo il suo insediamento, aveva incontrato a Roma i dirigenti dell'Anas per sollecitare la definizione dei lavori per l'arteria che attraversa la Val di Sangro.
«Il progetto definitivo – scrive Ciucci nella sua lettera – redatto sulla base delle normative tecniche al tempo vigenti, ha acquisito i pareri preliminari attraverso una conferenza dei servizi che ha escluso la necessità della procedura di impatto ambientale e ha consentito di individuare un corridoio di intervento. L'entrata in vigore di nuove norme tecniche ha purtroppo imposto la revisione del progetto per garantire le adeguate condizioni di sicurezza dell'infrastruttura che attraversa numerosi versanti in frana. L'attività progettuale è stata già avviata a cura della competente direzione di questa società e sarà presumibilmente conclusa entro la fine dell'anno. La procedura di gara sarà avviata non appena acquisite tutte le approvazioni di rito e le necessarie risorse finanziarie. I lavori relativi alla variante di Quadri stanno proseguendo speditamente e saranno completati entro la seconda metà dell'anno».
«La sinergia istituzionale – ha commentato il presidente Di Giuseppantonio – porta sempre i frutti sperati: con il completamente della variante di Quadri finalmente potremo dare una nuova prospettiva agli abitanti della Val di Sangro ed un aiuto concreto alle tante attività economiche che insistono sul territorio. Completamento della fondo valle Sangro significa apertura del collegamento Tirreno-Adriatico che porterà interessanti prospettive per il turismo della nostra provincia e alle imprese ad esso collegate e aprirà una nuova via, rapida e sicura, per la logistica che serve la zona industriale più importante della regione e più grande di tutto il centro-sud, preludendo così a nuovi investimenti e nuova occupazione. È, dunque, un progetto di estrema importanza, per il quale vigilerò attentamente affinché la tempistica indicata dall'Anas sia rispettata alla lettera».

16/01/2010 15.03