Di Bonaventura riunisce i sindaci della costa teramana

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1019

ROSETO. Un logo ed una caratterizzazione unica da inserire nel Piano demaniale regionale

Una piattaforma di proposte e di indicazioni condivise da cui possa scaturire una nuova stagione di sinergia per la valorizzazione della costa teramana.
Sono queste le linee guida venute fuori nel corso dell'incontro che si è svolto questa mattina su convocazione del sindaco di Roseto con gli amministratori di Silvi, Pineto, Giulianova, Tortoreto, Alba Adriatica e Martinsicuro, per parlare del nuovo Piano Demaniale Marittimo Regionale.
«Osservazioni e suggerimenti condivisi erano stati richiesti dall'assessore Regionale al Turismo Di Dalmazio nella riunione tenutasi a Pescara lo scorso mese di dicembre- spiega il sindaco Di Bonaventura – in quella occasione io proposi che i documenti dovevano essere rappresentativi di zone omogenee e così è nata la riunione odierna che ha visto insieme le amministrazioni dei sette comuni del litorale tramano, pronti a cogliere l'opportunità di far sentire una voce forte e univoca».
Oltre agli aspetti puramente tecnici legati alla normativa, nel corso dell'incontro sono state delineate anche le linee politiche che dovranno essere contenute nel documento che verrà poi presentato alla Regione.
«E' stata unanimemente condivisa la necessità di far emergere una caratterizzazione della costa teramana, con un suo proprio logo che sia riconoscibile e in grado di promuoverne tutte le caratteristiche– ha sottolineato il Sindaco di Roseto – chiederemo che il nuovo Piano demaniale regionale recepisca questa e altre istanze anche in forza dei numeri che il nostro territorio rappresenta per l'economia turistica dell'intera regione».
Di Bonaventura ha spiegato di aver intenzione di chiedere un incontro anche all'assessore al Turismo della Provincia di Teramo, «affinché la programmazione e la promozione del nostro mare sia ridefinita sulla base di una immagine rinnovata in cui si integrano le potenzialità di tutti e sette i Comuni».
Prima della prossima conferenza di servizio dei sindaci i responsabili degli uffici demaniali dei sette comuni individueranno gli aspetti tecnici su cui proporre modifiche, con particolare attenzione al tema dell'erosione che sta mettendo a rischio una fetta importante di litorale.

15/01/2010 9.24