Animalisti incontrano sindaco Brucchi. «Più controlli contro randagismo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2413

TERAMO. Le associazioni incontrano l’amministrazione comunale sul problema del randagismo di cani e gatti

 
Amici degli animali, Lav, Lega del cane, Lipu e Wwf hanno incontrato il sindaco di Teramo Brucchi, l'assessore all'ambiente Di Stefano ed il consigliere con delega al problema del randagismo Fracassa in merito agli aspetti controversi e poco chiari dell'Ordinanza del 1° dicembre 2009 sulla gestione di cani e gatti sul territorio comunale.
Aspetti, secondo le associazioni animaliste, in contrasto con la normativa nazionale vigente.
Tanti i punti affrontati nell'incontro.
L'utilizzo della museruola a parere delle associazioni deve essere regolarizzato così come prevede la normativa nazionale vigente (Ordinanza Sottosegretario Martini del marzo 2009) vale a dire quale strumento che il padrone del cane deve sempre avere con sé per utilizzarlo in caso di necessità o su richiesta di un pubblico ufficiale.
Il divieto di passaggio nelle adiacenze delle strutture scolastiche introdotto dall'ordinanza dovrà, eventualmente, riguardare solo le aree verdi prospicienti le strutture stesse.
Dovrà essere garantito il libero accesso ai parchi fluviali con vincolo di guinzaglio (non oltre 1,5 m) e rigoroso ritiro delle feci del cane, norma per altro già obbligatoria su tutto il territorio cittadino e nazionale.
All'amministrazione Comunale si è richiesto di individuare rapidamente le aree verdi dove sarà possibile lasciare liberi i cani.
Le associazioni hanno richiesto anche che i vigili urbani nei normali controlli dovranno accertarsi, oltre che della corretta conduzione del cane (compresi la presenza della bustina igienica per la raccolta delle feci e l'utilizzo del guinzaglio), anche del fatto che i cani siano regolarmente chippati, per prevenire il fenomeno del randagismo.
Le associazioni hanno ribadito la richiesta di individuare una nuova struttura da adibire a gattile e di fare in modo che si possa continuare a sfamare gli animali vaganti della città, «sempre nel rispetto del decoro cittadino e nella pulizia dei luoghi».
I rappresentanti del Comune hanno nella sostanza condiviso le richieste delle associazioni, garantendo una rapida attivazione al riguardo, anche attraverso una circolare esplicativa delle prescrizioni previste nell'Ordinanza del 1° dicembre.
Maggiori difficoltà sono state individuate, invece, per la creazione  dell'ufficio per i diritti degli animali richiesto dalla associazioni e già presente in tante altre amministrazioni.
Il Comune, pur ritenendo utile l'ufficio, ha evidenziato problemi organizzativi che, almeno per il momento, non rendono possibile accogliere questa richiesta. L'amministrazione ha comunque previsto l'istituzione di un tavolo tecnico

13/01/10 11.54