Società mutuo soccorso, Regione finanzia manutenzione con 30mila euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1840

PESCARA. Nei mesi scorsi il consigliere di Rifondazione Comunista si era attivato per fermare la trasformazione in negozio dello storico edificio della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Pescara.


L'edificio di via Piave fu ceduto alla Società Operaia nel 1883 da Leopoldo Muzii.
I lavori di ristrutturazione al momento sono fermi, ma i soci avevano fatto presente in un incontro che da anni chiedevano a Comune, Provincia e Regione un contributo per la manutenzione dell'edificio.
Il Consiglio Comunale ha approvato lo scorso 26 ottobre un ordine del giorno, proprio di Acerbo, che impegna l'amministrazione, e in primis il sindaco, ad attivarsi per fermare il cambio di destinazione d'uso e reperire risorse per i lavori di manutenzione straordinaria.
«Avendo verificato che in passato in Abruzzo la Regione aveva finanziato con provvedimenti ad hoc la ristrutturazione dei locali di altre SOMS», spiega ancora Acerbo, «mi è sembrato doveroso proporre un emendamento alla finanziaria regionale».
L'emendamento, a cui hanno aderito anche i consiglieri regionali Saia, Sospiri e Sclocco, è stato approvato e nella finanziaria regionale è stato quindi inserito un contributo straordinario di 30.000 euro per la Società Operaia di Pescara.
Comune e Provincia potranno implementare la cifra con risorse proprie.
«A questo punto», commenta il consigliere, «non vi sono più giustificazioni per la trasformazione in negozio di abbigliamento dello storico luogo di aggregazione della città e si può cominciare a lavorare con serenità al suo rilancio. Credo di poter dire che stiamo riuscendo a salvaguardare l'integrità dello storico edificio di Via Piave».
Ora il Sindaco e la Giunta dovrebbero attivarsi, come prevede l'ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale, convocando i soci della Società Operaia di Mutuo Soccorso per individuare il percorso per una rapida e definitiva soluzione della vicenda che riconsegni alla città al più presto la fruibilità della struttura.

12/01/2010 15.49