"Killer della Sacra corona unita" minaccia di morte il sindaco di Giulianova

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

5457

"Killer della Sacra corona unita" minaccia di morte il sindaco di Giulianova
GIULIANOVA. Una lettere con minacce di morte è stata recapitata nei giorni scorsi al sindaco Francesco Mastromauro, al capogruppo del Pd Emidio Andrenacci, presidente della commissione urbanistica e al dirigente del settore urbanistico, Roberto Olivieri.(Nella foto il sindaco Mastromauro)
Il primo cittadino ha manifestato stupore ed indignazione per la lettera recapitata a Palazzo di Città che porta la firma di un sedicente killer appartenente alla Sacra Corona Unita, l'organizzazione mafiosa pugliese.
Nella missiva il mittente dà un ultimatum ai tre destinatari: due mesi di tempo (dal 25 dicembre al 25 febbraio) per risolvere questioni legate al piano regolatore o sarà costretto a giustiziare i tre.
Mastromauro ha trovato la lettera minatoria fra la posta arrivata in Comune. Era scritta con i trasferibili.
Un atto intimidatorio originale e forse il primo di tale tenore a Giulianova. Interessante l'attenzione posta a questioni edilizie dove si annidano i maggiori interessi speculativi.
«Respingo al mittente – ha detto Mastromauro- ogni intimidazione ricevuta. Ho denunciato l'accaduto ai carabinieri e mi rimetto al loro lavoro di indagine. Ho ricevuto manifestazioni di solidarietà dal sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, dal capogruppo dell'Udc all'opposizione Gianfranco Frangioni e da moltissimi cittadini. Questo mi dà forza. Andrò avanti per la mia strada e non tornerò indietro. Con il Prg approvato di recente ho detto tanti no, ho firmato sei ordinanze di revoca di alloggi popolari a cittadini che non ne avevano diritto assegnandoli a chi invece ne aveva davvero bisogno. E altre ne firmerò. I toni esacerbati - conclude - creatisi in questi ultimi tempi a Giulianova non sono quelli giusti». Domani a mezzogiorno, intanto, Mastromauro ha indetto in Comune una conferenza stampa per fare maggiore chiarezza sulla vicenda.
Solidarietà ai tre è arrivata anche dal circolo del Partito democratico di Giulianova.



«E' un fatto gravissimo mai accaduto nella nostra cittadina - commenta il Pd. Sosteniamo con forza l'opera difficile che il sindaco, tutto il consiglio comunale, la giunta, i tecnici, svolgono nell'interesse dei cittadini. Il confronto democratico e civile è cardine della vita politica cittadina e questa deve essere il faro contro qualsivoglia forma di intimidazione e pressione che pertanto respingiamo con fermezza. Un incoraggiamento è rivolto infine alle forze di polizia e alla Procura della Repubblica perchè possano presto chiarire i contorni di questo spregevole accaduto».
Intanto in città non si parla d'altro. In molti credono ad un atto di qualcuno che forse si è spinto un po' oltre magari proprio spinto dal clima di cui parla il primo cittadino. Le indagini intanto sono partite.

07/01/2010 16.53

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK