Omicidio di Capodanno, ancora ombre sulle mosse del presunto assassino

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2754

 Omicidio di Capodanno, ancora ombre sulle mosse del presunto assassino
TAGLIACOZZO. Si cerca ancora di fare luce sulla tragedia che ha portato alla morte per accoltellamento di Iulian Bivolaru, romeno di 19 anni. (Foto: Antonio Oddi)

Dopo l'arresto di un connazionale residente ad Aprilia (Latina), Adrian Zabuliche, 24anni, è stato continuo il viavai di testimoni o di persone che erano presenti ai festeggiamenti nella casa di via Corso 45 a San Giovanni, frazione di Sante Marie.
Lo scopo dei carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo e' accertare se all'omicidio abbiano collaborato altre persone.
In particolare si cerca di capire se il presunto omicida sia arrivato in quella casa solo intorno alle 6 del mattino, su richiesta del fratello minore, S.Z..



Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il presunto omicida sarebbe arrivato a San Giovanni, frazione di Sante Marie, nell'appartamento dove era in corso una festa di fine anno tra una quindicina di romeni, dopo la richiesta di intervento del fratello.
Proprio lui, infatti, aveva avuto dopo mezzanotte una lite con la vittima.
A quel punto si sarebbe recato ad Aprilia per prendere suo fratello (il presunto omicida) e suo cugino, per tornare a San Giovanni.
Dopo una violenta lite sarebbe avvenuto l'accoltellamento.
Il 24enne romeno avrebbe colpito la vittima alla coscia.
Sanguinante, sarebbe poi uscito dall'abitazione dove era in corso la festa incamminandosi lungo una strada sterrata, per circa 700 metri.
Qui sarebbe stato aiutato da alcuni amici connazionali che hanno chiesto l'intervento del 118. All'arrivo dei soccorsi per lui non c'era però più nulla da fare a causa dell'emorragia.
Alla base della lite, che poi ha portato al tragico evento, ci sarebbero motivi legati a una ragazza contesa tra la vittima e il fratello del presunto assassino.
Secondo un'altra ipotesi, invece, l'arrestato era già presente alla festa prima della lite.
Un'ipotesi che potrebbe scagionare definitivamente il fratello minore.
Zabuliche si trova nel carcere di Latina.

04/01/2010 9.20