Gdf Teramo: recuperati 90 mln di euro sottratti al fisco

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1966

TERAMO. Nel corso del 2009 i reparti operativi del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Teramo (Nucleo di Polizia Tributaria e Compagnia di Teramo, Compagnia di Giulianova, Tenenza di Nereto e Brigata di Roseto degli Abruzzi) hanno condotto diverse attività investigative recuperando oltre 90 milioni di euro sottratti al Fisco, denunciando all'Autorità Giudiziaria 27 persone per reati tributari e societari.
Molti sono i fronti operativi delle fiamme gialle, ecco il dettaglio.

LOTTA ALL'EVASIONE FISCALE

Nell'anno che volge al termine le Fiamme Gialle hanno eseguito 124 verifiche e 238 controlli fiscali che hanno permesso di constatare 90.167.640,00 euro di base imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi e 13.560.613,00 euro fra IVA dovute e non versata, con la denuncia all'Autorità Giudiziaria di 27 persone per reati fiscali.
Di tali risultati 17.154.497,00 euro di base imponibile ai fini delle imposte sui redditi e 3.693.173,00 euro di IVA non versata, sono stati constatati nei riguardi di 37 evasori.
Le categorie di evasori totali sono riferibili alle costruzioni edilizie, al commercio, alle attività manifatturiere, alle attività professionali, alle società sportive personaggi dello spettacolo e relativi manager.
Nell'ambito della polizia economica sono state approfondite 35 segnalazioni per operazioni sospette pervenute dal mondo bancario, condotte tre ispezioni antiriciclaggio nei confronti di money tranfer ed un accertamento patrimoniale ex art. 25 legge 575/65.
Sono stati svolti 1.798 controlli per la verifica sugli obblighi di rilascio di scontrini e ricevute fiscali. Sul totale dei controlli effettuati, sono stati riscontrati 270 casi di mancata emissione di scontrino/ricevuta, per una percentuale di irregolarità del 15% su base annua. Per alcuni di essi, risultati recidivi, è stata proposta ed applicata la sospensione dell'esercizio dell'attività per alcuni giorni.

LOTTA AL LAVORO NERO ED IRREGOLARE

Parallelamente all'attività di controllo fiscale, intensificata è stata quella a contrasto del lavoro nero, con risultati senz'altro fra i più significativi degli ultimi anni.
Complessivamente sono stati individuati 123 lavoratori di cui nr. 60 completamente in nero ed altri 63 irregolarmente impiegati, cosiddetti “in grigio”; per questi ultimi le principali irregolarità riscontrate sono risultate essere la corresponsione di compensi in nero “fuori busta”, prestazioni lavorative superiori a quelle previste e retribuite in nero, retribuzioni in nero “mascherate” attraverso altre forme (rimborsi e indennità varie).

VIGILANZA NEL SETTORE DEGLI APPARECCHI DA GIOCO

Sono stati effettuati nell'anno 95 controlli svolti nei confronti di esercizi pubblici e circoli ricreativi, spesso segnalati tramite il numero di pubblica utilità 117. Sono stati sequestrati complessivamente 51 apparecchi automatici destinati al gioco illecito, sono state comminate sanzioni amministrative pari ad Euro 90.332,00 e sono stati oscurati due siti internet utilizzati per l'esercizio on line di giochi illeciti.

TUTELA DELLA SPESA PUBBLICA

Sono state denunciate 18 persone per gravi reati contro la Pubblica amministrazione quali peculato, falso ideologico e truffa aggravata ai danni di Enti Pubblici. Sono stati, altresì, quantificati i relativi danni erariali con la segnalazione dei responsabili alla Procura Regionale per l'Abruzzo della Corte dei Conti.
Articolati filoni investigativi sono in corso per verificare la corretta gestione ed utilizzo di risorse finanziarie pubbliche da parte di Enti di primaria rilevanza.
Effettuati, inoltre, 95 controlli nei confronti di beneficiari di prestazioni sociali agevolate, individuando 58 soggetti irregolari che hanno beneficiato di contributi pubblici in danno di soggetti realmente bisognosi, grazie alla produzione di autocertificazioni di reddito false.

ATTIVITÀ ANTI-RICICLAGGIO

Nell'ambito dei controlli rivolti al rispetto delle norme in tema di limitazione alla circolazione del contante, per finalità di prevenzione del sistema anti–riciclaggio, sono stati verbalizzati nr. 30 soggetti di cui nr. 15 denunciati a piede libero per avere posto in essere transazioni finanziarie superiori al limite di 12.500 euro senza aver fatto ricorso ad intermediari abilitati.

CONTRASTO AL TRAFFICO ED ALLO SPACCIO DI STUPEFACENTI

Sono stati sequestrati oltre 5,5 Kg di sostanze stupefacenti e sono state arrestate 11 persone, altre 14 sono state denunciate a piede libero, mentre sono stati segnalati alle Prefetture competenti 113 assuntori di stupefacenti, grazie anche alle unità cinofile in servizio presso la Compagnia di Giulianova. Nello specifico settore i reparti territoriali hanno continuato a supportare le articolazioni specialistiche del Corpo, i GICO, al fine di rendere più efficace il dispositivo di contrasto ad un fenomeno sempre crescente.

30/12/2009 16.00