Partono i tirocini della Provincia, 570 mila euro per 190 giovani

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2048

PESCARA. Sono circa 190 i giovani che potranno formarsi direttamente all’interno delle aziende, nel 2010, nell’ambito di un avviso pubblico per l’attivazione di tirocini promosso dalla Provincia di Pescara.


Il tirocinio avrà una durata massima di sei mesi, a partire dalla primavera, e sarà remunerato dalla Provincia (500 euro al mese per 20 ore settimanali di attività, con la possibilità per l'azienda di aumentare il numero delle ore contribuendo al pagamento).
I fondi a disposizione per questo intervento sono pari a 570mila euro (azione prevista dal P.O. Fse Abruzzo 2007-2013, Obiettivo "Competitività Regionale e Occupazione" Piano Operativo 2007-2008, Progetto Speciale Multiasse ad attuazione provinciale).
Potranno partecipare al tirocinio i giovani (fino a 29 o 35 anni di età a seconda del reddito) residenti nella provincia di Pescara e iscritti al Centro per l'impiego di Pescara, Penne o Scafa. Le imprese che formeranno i lavoratori possono essere sia pubbliche che private, cooperative, onlus, studi professionali, enti pubblici e organismi di diritto pubblico con sede operativa nella provincia di Pescara. Ogni impresa potrà chiedere al massimo tre tirocinanti.
Dei 190 tirocini 90 riguarderanno giovani diplomati disoccupati/inoccupati tra 18 e 29 anni (le risorse disponibili sono pari a 270.000 euro), 71 saranno in favore di giovani diplomati tra 18 e 35 anni appartenenti a nuclei familiari in condizione di povertà con reddito ISEE non superiore a 15.000 euro (per un ammontare di risorse pari a 213mila euro) e 29 saranno per giovani privi di diploma, tra 18 e 35 anni, appartenenti a nuclei familiari in condizione di povertà, con reddito ISEE non superiore a 15 mila euro (per un ammontare di risorse pari a 87mila euro).
Le domande vanno inviate con raccomandata (da tirocinanti e soggetti ospitanti) a partire dal 11 gennaio 2010 fino al 1 febbraio 2010. L'inizio dei tirocini, dopo la valutazione delle domande, è previsto a primavera e «la priorità – ha annunciato il dirigente del settore, Tommaso Di Rino – sarà data a donne, disabili e giovani».
«La novità di questa iniziativa rispetto al passato – ha annunciato l'assessore Antonio Martorella in conferenza stampa – è un'azione informativa di otto ore sui temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro che sarà obbligatoria per tutti i tirocinanti».
Martorella ha fatto notare che con i tirocini «la Provincia dà una grossa chance sia ai giovani che alle aziende e tendenzialmente le esperienze formative positive si trasformano poi in esperienze di lavoro. Si tratta solo di una prima iniziativa per il mondo del lavoro, alla quale ne seguiranno delle altre, per un importo complessivo di un milione e mezzo di euro».
«Il 2010 – ha annunciato il presidente Testa – sarà l'anno della rivisitazione dei Centri per l'impiego e nei prossimi mesi daremo altre risposte significative a chi ha problemi di lavoro. Si tratta di misure concrete in un momento di crisi e l'obiettivo è di fare del settore Lavoro e Formazione professionale della Provincia uno dei nostri fiori all'occhiello».
Un primo bando è stato pubblicato dalla Provincia a novembre, per reperire docenti per i corsi di formazione e sono arrivate 1.400 domande.
29/12/2009 9.06