Messa di Natale nel duomo recuperato di San Valentino

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1882

SAN VALENTINO. In pochi mesi il recupero del duomo di San Valentino in Abruzzo Citeriore è una realtà. Era stato danneggiato gravemente dal sisma che, il 6 aprile scorso, ha sconvolto l'intera regione Abruzzo.


Il sindaco Angelo D'Ottavio ha ringraziato tutte le parti intervenute nella sinergia di istituzioni che ha permesso quasi il pieno recupero della chiesa.
La Presidenza del Consiglio dei Ministri ed il Dipartimento di Protezione Civile che con la CEI e con la Curia di Chieti hanno determinato la copertura finanziaria dell'intervento (più di 200.000€), e Monsignor Giuseppe Liberatoscioli ed il parroco della parrocchia Don Antonio Santoleri hanno avuto un ruolo importante.
D'Ottavio, sindaco e assessore alla Provincia di Pescara, sprizza gioia da tutti i pori.
«Il 9 dicembre», dice, «l'impresa Mammarella di Vacri ha iniziato i lavori ed ho visto davvero tantissime persone muoversi in poco meno di 10 giorni in questo cantiere, che quasi non credevo ai miei occhi, poi l'attenzione che ha prestato all'intervento il professor Carmine Falasca, progettista e Direttore dei lavori, sono state giornate straordinarie ed intense, ringrazio tutti a nome dell'intera comunità che rappresento».
Pochi giorni fa anche il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, è stato sul cantiere per verificare lo stato d'avanzamento dei lavori e con lui gli assessori Cilli e Ruggeri e pochi giorni prima sul cantiere era stato anche il vice-Presidente della Giunta regionale d'Abruzzo, Alfredo Castiglione.
L'impresa dovrà completare i lavori in 30 giorni ed in 14 giorni ha completato la messa in sicurezza di tutta la navata principale.
I lavori però sarebbero sufficienti per poter celebrare la messa di Natale proprio nel duomo.
L'intervento è consistito nella messa in sicurezza degli apparati strutturali, e nel consolidamento delle volte a cupola, degli archi, dei maschi murali e di opere di puntellamento dell'ingresso e della zona absidale che contiene un organo di valore inestimabile.
«Credo che la nostra comunità», conclude D'Ottavio, «non potesse ricevere un regalo migliore dalla Protezione Civile, ho scritto una lettera di ringraziamenti al presidente del Consiglio Berlusconi ed al commissario Bertolaso invitandoli a visitare il nostro comune».

22/12/2009 8.58