Variante 16 a senso unico: dopo l’inaugurazione non se ne parla più

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3523

MONTESILVANO. Trent’anni per aprila, in un solo senso. Secondo la logica matematica ne occorreranno altrettanti per poter vedere il tratto della variante 16 tra Pescara e Montesilvano aperta in entrambi i sensi di circolazione?
In molti però sperano che l'Anas e la Provincia questa volta “brucino” i tempi e possano completare l'opera prima del 2040.
Intanto nei giorni scorsi è partita la protesta del Pd che ha rispolverato un tema che per il centrodestra è invece archiviato, e pure con successo.
Fatto sta che da ottobre, quando è stato inaugurato il senso di circolazione sud-nord non si è visto un solo mezzo al lavoro per adeguare l'asse alla circolazione a doppio senso.

Come mai? Il giorno dell'inaugurazione il sindaco Cordoma aveva annunciato che per aprire l'altro tratto dovranno essere realizzate due rotatorie in via Vestina e dovrà essere sistemata via Fosso Foreste, attualmente priva dei requisiti per accogliere il traffico proveniente dalla circonvallazione.
Si tratta di lavori per 500mila euro già programmati e da eseguire entro gli iniziali 140 giorni, ormai diventati 80. E' normale che sia ancora tutto fermo?
Il Pd, come forma di protesta, ha così stampato 10mila volantini, sparsi per tutta Montesilvano, per far conoscere ai cittadini la posizione dei democratici in questa scelta definita «senza senso» e che «non solo non migliora la situazione del traffico ma addirittura la aggrava».

Il segretario cittadino del Pd, Luigi Beccia, infatti, spiega: «i cittadini di Montesilvano hanno aspettato per venticinque anni la realizzazione di quest'opera per la quale ricordiamo che quest'amministrazione non ha una benchè minima paternità. Anzi, l'unico merito è bensì un demerito: quello di averla resa, con la scelta del senso unico un'opera monca. Noi crediamo che questa scelta di apertura parziale, oltre a non portare benefici, stia peggiorando la situazione del traffico nella zona sud con l'uscita di auto provenienti da nord e quindi dalla zona commerciale di Città Sant'Angelo: situazione ancor più evidente in questi giorni pre-natalizi».

Adriano Chiulli, capogruppo Pd in consiglio comunale sostiene che «la favola del finanziamento regionale che arriva in tre mesi è una bugia con le gambe cortissime che sta per essere svelata per quel che è. Due mesi fa abbiamo detto che sarebbe bastata ad evitare questa presa in giro per i cittadini anche una soluzione provvisoria per la messa in sicurezza dell'uscita e della viabilità cittadina attraverso quelle opere, quali la segnaletica e le rotonde, che si possono allestire in via sperimentale e provvisoria con una minima spesa da parte del Comune. La nostra proposta è ancora valida e l'amministrazione farebbe bene a tradurla in realtà. Comunque sia, i cittadini hanno capito che ad ottobre facevamo bene a nutrire dubbi ed ogni giorno ci danno ragione. Il sindaco ha fatto una bella cerimonia, senza averne alcun merito, ed ora Montesilvano dovrà aspettare il doppio senso non si sa ancora per quanto tempo».


21/12/2009 10.10

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK