Concorso nel caos: quiz sbagliati e ...una lettera che ''assolve'' l'hotel

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3531

GIULIANOVA. Non si placano le polemiche per il concorso pubblico per l'assegnazione di 5 posti, per titoli ed esami, da assistente socio-educativo a tempo indeterminato, finito senza mai cominciare martedì scorso.
Gli oltre 400 candidati al loro arrivo all'hotel Panoramic di Tortoreto, luogo scelto dal Comune per svolgere la prova, non hanno trovato la postazione idonea ad una selezione pubblica e tra proteste, insulti e l'arrivo dei carabinieri è saltato tutto.
Oggi nel mirino di alcuni candidati ci finiscono i test, in realtà mai compilati dai concorsisti, ma letti sia martedì sera, quando ormai tutto era finito in malora, e apparsi ieri sul sito del Comune di Giulianova.
Se quelle sulla materia psicologica vengono definite da alcuni studenti «poco obiettive» ce n'è una, la numero 26 del test n.1 che è decisamente sbagliata. Secondo il quesito, (la cui risposta esatta è stata evidenziata dalla stessa commissione) il segretario comunale viene nominato dal sindaco e dal presidente della Provincia.
E se il Comune dà tutte le responsabilità all'hotel Panoramic per la giornata andata storta è ovvio che su questo punto l'albergo non c'entra niente. Così come non c'entra nei fax spariti nel nulla dei candidati che si sono iscritti alla prova nei giorni scorsi.
Ma adesso proprio i titolari dell'albergo rimandano al mittente ogni accusa e assicurano che loro non c'entrano in alcun modo con quanto successo.
Dall'hotel, infatti, spiegano che solo il 13 dicembre, due giorni prima del concorso, avevano ricevuto una lettera dal Comune (protocollo n. 47469) con la quale si chiedeva la sistemazione «per circa 300 persone». Ma i candidati erano più di 400. Chi ha scritto quel numero sbagliato? C'entra forse il fatto che decine di fax con l'iscrizione dei partecipanti sono spariti nel nulla?
Eppure i candidati ''inesistenti'' per l'amministrazione pubblica in sede d'esame hanno portato la ricevuta di avvenuto invio del fax. Dove sono finiti tutti i documenti?
In più proprio dall'albergo sottolineano che nessuno del Comune, prima dell'inizio della prova aveva fatto un sopralluogo per verificare l'organizzazione.
Circostanza confermata anche da alcuni candidati che in sede d'esame avevano chiesto alla commissione il perchè nessuno fosse andato, almeno la mattina, a controllare sul posto che tutto fosse in ordine.
Ma la commissione ha spiegato di essere stata molto impegnata «a fotocopiare oltre 700 pagine di test».
Ovviamente tutta carta sprecata, volendo essere un pò ambientalisti.
Intanto in questo marasma si ricorda che lo stesso concorso, svolto nell'agosto scorso (c'era solo 1 posto a disposizione) venne annullato per motivi ancora tutti da chiarire.
Anche allora non sono mancate polemiche, contestazioni (quelle dei 102 bocciati allo scritto che hanno presentato ricorso), telefonate anonime che preannunciavano una lista già compilata con i fortunati vincitori.
Alla fine un consigliere d'opposizione mandò tutto l'incartamento alla Procura della Repubblica.
Oggi è la lista civica 'Al centro della città' ad esprimere le perplessità per quanto accaduto a inizio settimana e sottolinea la mancanza di «strutture ed infrastrutture idonee, tanto da essere costretti a “rifugiarsi” in luoghi privati ed in comuni limitrofi».

Per la lista civica, inoltre, è grave che «l'amministrazione comunale, invece di fare “mea culpa”, giochi, con preoccupante disinvoltura, allo scarica barile. Perché prendersela con l'albergo quando è stato richiesto uno spazio per 300 persone e, nel contempo, le domande di partecipazione pervenute sono state quasi del doppio? Ma chi sarebbe dovuto intervenire per evitare l'ingiustificato caos?»
Per Vincenzo Santuomo, capogruppo dell'Idv, invece, «il Comune, troppo impegnata solo sulle controdeduzioni alle osservazioni alla variante del P.R.G. dove comunque ogni giorno si evidenziano situazioni di dubbia legittimità, trova occasione per l'ennesima brutta figura sul concorso per gli asili nido. Già in passato c'erano state grosse perplessità rispetto a un concorso precedente».
«E ‘ inutile», sottolinea Santuomo, «che il sindaco cerchi di addossare tutte le colpe sulle spalle dei proprietari dell'hotel Panoramic di Tortoreto. Era compito dell'Amministrazione Comunale, del Dirigente di Settore, della Commissione esaminatrice garantire e controllare che tutto fosse in ordine».

a.l. 17/12/2009 9.16

[url=http://www.primadanoi.it/notizie/24125-%C2%ABBuffoni-buffoni-vergognatevi%C2%BB-il-concorso-salta-e-arrivano-i-carabinieri]LA CRONACA DELLA DEBACLE[/url]

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK