Per le scuole della provincia di Pescara 1,2 mln di lavori

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1307

PESCARA. Riqualificare le scuole attraverso una serie di interventi incisivi.


Con questa filosofia la Provincia di Pescara ha contratto tre mutui con la Cassa depositi e prestiti per un milione e 236 mila euro, da investire su diverse strutture. I lavori, annunciati oggi in conferenza stampa dall'assessore Fabrizio Rapposelli e dal presidente Guerino Testa, prenderanno il via a primavera.
Una parte consistente della somma totale, cioè 436mila euro, sarà destinata al completamento delle aule dell'istituto professionale “Michetti”, dove sarà terminato l'ultimo dei tre livelli esistenti.
Nell'ambito di questo intervento saranno realizzate otto aule di oltre 47 metri quadri ognuna, bagni sia per gli studenti che per il personale docente e ausiliario e un bagno per i portatori di handicap (dotato di impianto di allarme).
Sono previsti, ovviamente, nuovi impianti, compresi gli allacci per la connessione a internet nelle aule.
Nel liceo scientifico “Da Vinci” di Pescara, poi, sono previsti lavori di risanamento strutturale per 300mila euro. Nel dettaglio si provvederà al risanamento di alcune strutture portanti e non portanti, tra cui la gradinata, sarà migliorato l'accesso alla biblioteca per ciò che riguarda le barriere architettoniche, saranno adeguati alle norme di sicurezza gli infissi di alcune aule e si interverrà anche nell'aula magna e sul terrazzo di copertura dell'ingresso principale. Da sistemare pure le gronde.
Altri interventi di ristrutturazione, manutenzione, adeguamento alle norme di sicurezza e eliminazione delle barriere architettoniche, poi, sono in programma nella terza tranche di lavori il cui importo totale, coperto sempre da mutuo, è pari a 500mila euro.
L'obiettivo di queste opere è di perfezionare le condizioni di agibilità e di sicurezza delle scuole, rendendole più salubri ed accoglienti, e tutte le azioni previste saranno realizzate anche con l'utilizzo di materiali ecocompatibili e seguendo tecnologie volte al risparmio energetico.
Le scuole interessate sono, a Pescara, il liceo classico “D'Annunzio”, il liceo scientifico “Galilei”, il liceo scientifico “Da Vinci”, il liceo scientifico “Misticoni”, l'Itis “Volta”, l'istituto tecnico “Acerbo”, l'istituto tecnico “Manthoné”, l'istituto tecnico “Aterno”, l'Ipsar “De Cecco”, l'Ipsia “Di Marzio”, l'istituto magistrale “Marconi”, l'istituto d'Arte “Bellisario”. A Montesilvano, invece, si interverrà nel liceo scientifico “D'Ascanio”, a Cepagatti al “Cuppari”, ad Alanno al “Cuppari”, e a Penne al liceo scientifico “Luca da Penne”, all'istituto d'arte “M. dei Fiori” e all'istituto tecnico “Marconi”. Le opere progettate sono di vario genere, a seconda delle esigenze degli edifici, dalla messa in sicurezza di alcuni locali alla tinteggiatura degli spazi, dalla sistemazione dei cancelli alla realizzazione di un sistema di videosorveglianza, dalla sistemazione delle docce nella palestra all'adeguamento dei laboratori.
La Provincia annuncia anche che grazie ai fondi messi a disposizione dal Cipe, pari a un milione e 600 mila euro, saranno promossi degli interventi sull'edilizia scolastica per fronteggiare i danni causati dal terremoto del 6 aprile. I fondi andranno a finanziare le opere da realizzare in quattro plessi e cioè l'istituto d'arte di Penne, il convitto dell'Itas Cuppari di Alanno, la succursale del liceo scientifico “L. Da Penne” e l'istituto professionale “A. Di Savoia” di Popoli.

03/12/2009 14.49