Emergenza lavoro il 18 dicembre in Consiglio provinciale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1165

PESCARA. La Commissione Lavoro della Provincia chiama a raccolta amministratori, associazioni di categoria e sindacati per affrontare il problema della crisi economica


Si terrà venerdì 18 dicembre, alle ore 10, il Consiglio provinciale straordinario sui problemi della crisi economica e del lavoro.
La seduta straordinaria, richiesta dalla Commissione “Formazione Professionale e Politiche del lavoro”, presieduta da Sergio Fioriti, è stata preparata da una serie di incontri con associazioni e organizzazioni sindacali e di categoria tenutosi nei giorni scorsi.
La Commissione ha incontrato i rappresentanti di Cgil, Cisl e Ugl, della Confcommercio, Cna, Coldiretti, Agci (assoc. generale cooperative italiane), delle associazioni di invalidi e portatori di disabilità quali Anmic, Anmil-Unms, Ens per ascoltare le problematiche e le eventuali soluzioni che ognuna di queste organizzazioni ha posto tra le priorità da affrontare per contrastare l'emergenza.
«Quella del 18 dicembre sarà una seduta aperta – ha precisato Fioriti – in cui verranno esaminati i diversi aspetti legati alla crisi delle piccole e medie aziende abruzzesi, che fino a qualche anno fa erano la base del nostro tessuto economico. Ma l'assemblea – ha continuato - sarà anche un'occasione per cominciare a discutere di rilancio economico del territorio provinciale. Verranno messe sul tappeto le proposte che provengono dal nostro ente e che sono di nostra competenza, per essere pronti ad accogliere nuove idee di sviluppo che possano contribuire all'articolazione delle proposte da sottoporre all'amministrazione regionale e, se necessario al Governo nazionale».
L'esigenza da cui muove la Commissione, infatti, non è soltanto quella di cercare di dare una risposta allo stato di crisi in cui versa la provincia e in particolare modo la val Pescara, ma anche quella di delineare nuovi scenari di sviluppo per sostenere al meglio gli interventi che la regione e gli altri soggetti possono mettere in campo per contenere gli effetti negativi di questa situazione e pensare al futuro.

02/12/2009 9.27