Attiva, si cambia marcia e arriva l'amministratore unico

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1792

PESCARA. La Attiva Spa sarà guidata da un amministratore unico, affiancato da un Collegio dei Revisori dei Conti, «con un netto risparmio in termini di economicità, di efficienza ed efficacia dell’azione di governo».

Ieri pomeriggio l'approvazione della modifica statutaria della Attiva ha superato l'esame dell'Assemblea con 20 voti a favore, 2 contrari e 4 astenuti.
«La legge finanziaria del 2007 – ha ricordato il capogruppo Sospiri – aveva imposto il taglio del numero dei componenti dei Consigli d'amministrazione delle aziende municipalizzate, come la Attiva, passando dai 7 membri ad appena 3. La passata amministrazione comunale di centro-sinistra ha però aggirato l'ostacolo sdoppiando l'Organismo e istituendo un Consiglio di Gestione e un Consiglio di Sorveglianza, lasciando dunque in carica ben 6 consiglieri, con una spesa a carico del Comune pari a 89mila euro l'anno per le indennità, oltre a 16mila euro per la società che svolgeva il compito della revisione dei conti».
Ieri si è invece deciso che Attiva verrà gestita da un amministratore unico la cui indennità di carica dovrà essere pari all'80 per cento della spesa sostenuta oggi per la gestione dualistica, in altre parole si potrà spendere solo l'80 per cento degli odierni 89mila euro annui.
Il Collegio dei Revisori dei Conti sarà scelto tramite un bando al quale potranno accedere tutti i professionisti in possesso dei relativi requisiti, «un bando», ha spiegato Sospiri, «che abbiamo deciso di indire anche se non era assolutamente necessario, né previsto dalle norme, né tantomeno obbligatorio, ma è stata una scelta dettata dalla chiara volontà dell'attuale maggioranza di governo di garantire la massima trasparenza delle procedure».
E' stato anche stabilito che come indennità di carica i tre Revisori che assumeranno l'incarico percepiranno il minimo professionale previsto dalle tariffe in vigore.
Dopo l'approvazione dei lavori previsti nel quartiere Villamagna, il Consiglio comunale è stato riaggiornato a venerdì prossimo, alle 15.
Intanto in mattinata, in apertura dei lavori, il consigliere comunale Pdl Augusto Di Luzio ha ufficializzato in aula la donazione alla città di Pescara del busto in bronzo di Gabriele D'Annunzio, appartenente alla Fondazione Venanzio Crocetti, busto che verrà posizionato in una nicchia all'interno della Sala consiliare.

01/12/2009 10.26