Ospedale Pescara: appaltati lavori per rianimazione

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1181

PESCARA. Partiranno a breve i lavori di ristrutturazione del reparto di Rianimazione dell'ospedale di Pescara.


In particolare gli interventi riguarderanno l'ala del reparto che sette anni fa fu interessata da un incendio e distrutta.
Da allora pazienti, medici e infermieri sono stati costretti in spazi inadeguati ma con i lavori già appaltati saranno recuperate le aree esistenti prima del rogo.
«Nei nuovi locali di Rianimazione - ha detto il manager della Asl, Claudio D'Amario - avremo 16 posti letto, a fronte dei 9 attuali, e 4 per i bambini. Ci sarà anche una piccola sala operatoria e dei posti per l'isolamento in caso di malattie contagiose».
Nella parte antistante sono previsti anche una sala polifunzionale e una zona di colloquio con i familiari.
«In sostanza - ha spiegato oggi il primario di Rianimazione, Giovanni Bosco - il familiare potrà recarsi dal medico di guardia per avere notizie sul parente ricoverato e poi potrà accedere direttamente in Rianimazione».
Ogni anno questo reparto registra 450 ricoveri.
A febbraio, invece, dovrebbe diventare operativo l'hospice, una struttura situata di fronte alla vecchia chiesetta della Asl.
In questa palazzina, già pronta, e' operativo al momento solo l'ambulatorio, per mancanza di personale, per cui nei prossimi mesi dovrà essere risolto questo problema.
«Aver realizzato una struttura del genere a Pescara e' importante - ha commentato l'assessore regionale alla Sanità, Lanfranco Venturoni partecipando alla conferenza di Bosco e del manager Claudio D'Amario - anche perchè abbiamo poche risorse e dobbiamo utilizzarle bene. L'ospedale di Pescara rappresenta la più grossa realtà della regione in termini numerici quindi vanno utilizzate al massimo le potenzialità di questa struttura».
21/11/2009 9.21