Rifiuti. A Silvi copertura totale del territorio per il porta a porta

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1454

SILVI. L’amministrazione comunale di Silvi conclude l’ultima tappa del progetto di raccolta differenziata Porta a Porta.

Oggi, infatti, anche in contrada Santo Stefano e in contrada San Silvestre verranno incluse nelle zone coperte dal servizio di raccolta rifiuti domiciliare.
Oltre 500 famiglie, che vivono nelle due frazioni, saranno dotati dei kit famigliare di bidoncini previsti per il Porta a Porta e ai restanti residenti verranno affidati i contenitori di raccolta adatto ai condomini e complessi residenziali.
Una tappa conclusiva di un progetto, quella della raccolta domiciliare, che è iniziata a Silvi nel 2007. Contrada Santo Stefano e Contrada San Silvestre sono state inizialmente escluse per via della conformazione che non permetteva un facile servizio lungo le strade strette e ripide.
Da oggi, tutti i residenti delle contrade di Silvi, dovranno prendere in consegna il materiale occorrente recandosi presso l'ufficio ecologia situato in via Roma, lungo la statale adriatica.
«Tutto il comune di Silvi – spiega l'assessore ai lavori pubblici e vice sindaco Enrico Marini – è incluso nel servizio Porta a Porta. Un progetto in cui abbiamo creduto fortemente è ci ha dato risultati soddisfacenti. Puntiamo ad aumentare al massimo la percentuale di differenziata e per questo continueremo con i controlli a tappeto sul territorio al fine di controllare il regolare svolgimento della differenziazione».
I risultati della Raccolta Differenziata “Porta a Porta” e il nuovo servizio di Igiene Urbana hanno dato ottimi risultati negli scorsi anni. A prescindere dalle difficoltà iniziali, al di là di normali adattamenti e di alcuni stenti dovuti alla complessità del servizio su tutto il territorio, tutti i cittadini hanno notato il radicale e positivo cambiamento sul territorio.
«Il merito è innanzitutto dei cittadini – fa sapere Enrico Marini - che si sono sforzati e si sono adoperati al meglio per andare incontro alle nuove esigenze e alle nuove abitudini che il nuovo servizio ha posto loro davanti. Chiediamo lo stesso sforzo agli abitanti di Santo Stefano e San Silvestre che sono sicuro si adopereranno al meglio perché da tempo si aspettavano questo servizio così come avviene su tutto il territorio da ormai quasi tre anni».
I dati parlano chiaro: nel 2007 la raccolta differenziata ha superato abbondantemente il 40% quando nel 2004, invece, la percentuale reale era al di sotto del 10%.
Nel 2008 la provincia ha attestato invece la percentuale pari al 53%, permettendo alla città di posizionarsi nella classifica dei comuni ricicloni. Innegabili le difficoltà e alcune situazioni critiche riscontrabili soprattutto nei grossi plessi condominiali e dove vi è la presenza di persone che non dimorano stabilmente in città. Conclude il consigliere delegato all'ambiente Gianni Di Febo dicendo che «Continueremo a dare maggiori servizi alla città e il nostro obiettivo nei prossimi anni sarà il centro di multiselezione che inglobi un centro di raccolta e selezione del rifiuto».

13/11/2009 8.42