Truffe: imprenditore reclutato per trasferire soldi estero

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2900

PESCARA. Ha creduto a chi gli ha offerto via mail un lavoro semplice e ben remunerato e ha accettato di ricevere dei soldi sul suo conto corrente per girarli poi in Russia attraverso la Western Union.

Per sé poteva trattenere l'8% delle somme accreditate.
E' accaduto a un imprenditore di 50 anni di Montesilvano che ha deciso di raccontare tutto ai carabinieri del posto, coordinati dal capitano Enzo Marinelli, nel momento in cui ha capito che i soldi che ha maneggiato potrebbero essere stati prelevati indebitamente da altri conti correnti attraverso il phishing, cioè utilizzando i codici rubati ai correntisti con messaggi di posta elettronica truffaldini.
L'imprenditore, che da qualche tempo non se la passa bene, si e' allarmato nel momento in cui la trasmissione "Striscia la notizia" si e' occupato di casi simili al suo, e non ha esitato a raggiungere la più vicina caserma dei carabinieri.
Ai militari ha riferito di essere stato contattato via mail da una ditta che gli chiedeva di ricevere del denaro e di inviarlo ad altri, trattenendo per sè l'otto per cento a titolo di provvigione.
La ditta spiegava di avere difficoltà a inviare direttamente i soldi all'estero e annunciava che si sarebbe trattato di piccole somme.
L'imprenditore ha accettato e firmato un contratto e poi ha cominciato a ricevere soldi, per un totale di 20mila euro divisi in quattro o cinque accrediti avvenuti nel giro di pochissimi giorni.
L'uomo ha fatto quanto concordato: ha trattenuto il denaro per sè e girato la restante parte in Russia. Dopo il servizio di "Striscia" si e' accorto che l'ultimo accredito ricevuto, 2.500 euro, e' stato subito stornato, per cui si e' rivolto ai carabinieri, temendo di essere entrato in un meccanismo di truffa e riciclaggio.
L'autorità giudiziaria e' stata informata dell'accaduto dai militari dell'Arma, per cui ora si dovrà valutare la posizione dell'uomo e la sua buona fede.
Le indagini dei carabinieri sono finalizzate a individuare chi ha contattato l'imprenditore, che riceveva indicazioni solo via mail e tramite sms.

07/11/2009 9.34