Sei mesi di ritardo per i pagamenti: personale in agitazione alla Asl di Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1079

TERAMO. Il personale della Asl di Teramo attende da più di 6 mesi il pagamento del saldo finale della produttività dell’anno 2008, non ha percepito l’acconto della produttività 2009 e la carenza di personale infermieristico e di ausiliari rende esplosivi i reparti.

Il ritardo nel pagamento della produttività - premio per il merito e lo sviluppo dell'efficacia e dell'efficienza del servizio prestato – è attribuibile, almeno inizialmente, -secondo la ricostruzione che fa la Cgil- al ritardo con cui alcuni dirigenti hanno trasmesso le schede di valutazione del personale agli uffici competenti mentre è stabili che ciò avvenga entro il mese di aprile di ogni anno. Ad oggi, però, tutte le schede di valutazione sono state inviate grazie anche al sollecito fatto dallo stesso sindacato.
«Risultano, pertanto, incomprensibili», spiegano dalla Cgil di Teramo, «i motivi per cui il personale debba ancora attendere il pagamento per attività svolte più di un anno fa. Né tanto meno, la ASL ha fornito le spiegazioni richieste. Se si considera che i risultati che vengono raggiunti attraverso i progetti-obiettivo sono anche quelli che permettono alla Asl di Teramo di essere la più virtuosa tra le Asl abruzzesi e se si aggiunge l'impossibilità di erogare l'acconto della produttività dell'anno in corso a causa delle norme introdotte dal Ministro Brunetta, si fa presto a capire il malcontento e la rabbia dei dipendenti».
E' indubbio che il ritardo accumulato appesantisce altre situazioni legate all'organizzazione del lavoro e crea difficoltà alle famiglie dei lavoratori.
«Si è arrivati a negare la trasformazione di un rapporto di lavoro full-time (36 ore) a un part-time di 32 ore per carenza di personale. E' chiaro», conclude la Cgil, «che il fatto è gravissimo perché svela lacune organizzative eclatanti. Una ASL non può esser messa in crisi se un lavoratore invece di 36 ne lavora 32; ciò dimostra una gestione del personale estremamente debole e carente. Chiediamo pertanto alla ASL di pagare la produttività nella mensilità di novembre e di convocare le organizzazioni sindacali con estrema urgenza per discutere dell'organizzazione del lavoro e della distribuzione del personale all'interno dei presidi».

06/11/2009 13.11