Vigilanza e manutenzione: il Comune appalta all’esterno la gestione parchi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1462

PESCARA. La gestione del Parco dell’Infanzia di Pescara, situato in via Tavo, sarà affidato all’esterno. Lo ha deciso la nuova giunta comunale.



E' già stato approvato il bando di gara e il disciplinare che nei prossimi giorni verranno pubblicati per dare al più presto al parco la vigilanza necessari.
«Quando ci siamo insediati – ha ricordato l'assessore Nicola Ricotta – abbiamo purtroppo trovato il settore Parchi in uno stato di stallo completo, con appalti scaduti e non rinnovati, situazioni anomale, piccoli giardinetti realizzati con i soldi pubblici e poi abbandonati al degrado, senza manutenzione né sorveglianza, lasciati alla mercè di vandali e senzatetto. Parliamo del Parco della Caserma Cocco, una discarica di scooter rubati, della Riserva naturale dannunziana, parliamo del Parco dell'Infanzia, situato nel cuore del quartiere Villa del Fuoco, in via Tavo: la passata amministrazione si era limitata a individuare un addetto all'apertura e chiusura dei cancelli, senza occuparsi delle continue incursioni vandaliche, della presenza di ragazzini in motorino tra le aiuole, dei giochi danneggiati».
Al bando potranno partecipare Onlus, Associazioni umanitarie e benefiche, Organizzazioni e Associazioni libere, Cooperative e Ditte che dovranno occuparsi dei servizi di custodia, pulizia e manutenzione ordinaria delle aree, degli immobili, con i relativi servizi, delle attività finalizzate al mantenimento e al miglioramento estetico e funzionale del parco stesso, curando anche il verde pubblico.
La gestione, che avrà durata di cinque anni, dovrà essere a costo zero per l'amministrazione comunale.
L'Organismo che si aggiudicherà la gestione dell'area «dovrà disciplinare anche l'utilizzo delle due strutture in muratura, destinate a ospitare attività ludico-ricreative capaci di produrre situazioni economiche attive in capo al soggetto gestore – ha ancora spiegato l'assessore Ricotta -: il Comune conserverà l'utilizzo gratuito del Parco per almeno 30 giorni l'anno per ospitarvi le iniziative promosse direttamente dall'amministrazione comunale. Il gestore, ancora, dovrà provvedere alla manutenzione ordinaria dell'intera superficie, occupandosi anche di garantire la sicurezza del parco, la custodia e la sorveglianza delle strutture e degli utenti. Non sarà ammesso il subappalto dei servizi interni, come la gestione del punto ristoro e il contratto decadrà automaticamente dopo cinque anni».
Tra qualche giorno il bando verrà pubblicato sull'Albo pretorio e sul sito internet del Comune per consentire la presentazione delle offerte da parte dei gruppi interessati. La gara verrà espletata sulla valutazione dell'offerta più vantaggiosa per il Comune. Il nostro obiettivo è quello di assicurare a tutti i parchi cittadini una guida trasparente e rispettosa delle regole, eliminando le situazioni ereditate.

31/10/2009 11.04