La Provincia approva la nuova zona industriale di Castiglione a Casauria

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1186

CASTIGLIONE A CASAURIA. Il Consiglio Provinciale ha di recente approvato la variante al Piano Regolatore Territoriale del Consorzio Asi Val Pescara per l’acquisizione di nuove aree nel Comune di Castiglione a Casauria.



« Il progetto», afferma Nunzio Caiano capogruppo della lista di opposizione Vivere Castiglione «è stato realizzato dalla passata amministrazione comunale, dove ricoprivo il ruolo di vice sindaco con delega all'urbanistica. Dal 2005 ho cercato di sollecitare la Provincia di Pescara, allora amministrata dal centro-sinistra, affinchè provvedesse all'approvazione della variante, ma l'esito è sempre stato negativo. Ad oggi, posso affermare che dopo il mio ennesimo interessamento e grazie alla nuova Amministrazione Provinciale Castiglione a Casauria ha una nuova zona da destinare allo sviluppo industriale ed artigianale».
In sostanza la variante prevede di eliminare dalla attuale zona Pap tutti quei terreni interessati dal fenomeno di dissesto causato da una frana, l'ampliamento per circa 53 ettari nella nuova zona a ridosso dell'autostrada A25 Pescara - Roma e la realizzazione di una strada di collegamento, per evitare il transito di mezzi pesanti all'interno del centro abitato di San Clemente, fra la rotatoria esistente nell'attuale zona industriale e la strada Provinciale.
«Mi vengono però spontanee due domande», dice caiano, «come mai la vecchia Amministrazione Provinciale capeggiata da Giuseppe De Dominicis in 4 anni non è riuscita o non ha voluto approvare una variante di ampliamento, mentre l'attuale Amministrazione Provinciale di centro-destra in soli 4 mesi ha raggiunto l'obiettivo? Ma in quella amministrazione non vi faceva parte anche un politico della nostra zona che durante le campagne elettorali si presenta come colui che vuole lo sviluppo e la valorizzazione dell'Area Casauriense?»

30/10/2009 11.12