Una Stu per realizzare la "via verde della costa teatina"

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1092


CHIETI. «Per avviare il progetto della Via Verde della Costa Teatina occorre uno studio economico per valutare l'apporto del capitale privato. Si potrebbe creare o una Società di Trasformazione Urbana (Stu) o una Società di Scopo, a capitale misto con prevalenza pubblica».
Questa è stata la proposta del presidente, Enrico Di Giuseppantonio, al termine della riunione di ieri mattina con i sindaci e i rappresentanti dei nove Comuni della costa teatina (Francavilla, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto e San Salvo), alla quale hanno partecipato anche gli assessori provinciali Nicola Campitelli (Urbanistica) e Remo Di Martino (Turismo), il presidente della Camera di Commercio, Dino Di Vincenzo, e il dirigente del Settore Urbanistica della Provincia, Antonio Di Chiacchio.
«Dobbiamo verificare prioritariamente – ha spiegato il presidente – la disponibilità dei 16 milioni di euro dei fondi Fas, che potrebbero rappresentare il capitale pubblico della società da costituirsi, in cui la parte pubblica dovrà avere la maggioranza: solo in questa maniera avremo la possibilità di sognare che questo progetto diventi strategico per la Provincia, ma anche per l'intera Regione. Per ciascuno di noi la Via Verde della Costa Teatina si deve tradurre in linfa vitale per il turismo, che può diventare davvero la seconda industria della nostra provincia, capace di assorbire la domanda di occupazione che prepotente si avverte in tutto il nostro territorio. Per questo, l'impegno di ciascuno in questo progetto sia massimo, concreto, fattivo, senza chiusure di campanile e con un'apertura positiva nei confronti del privato, che comunque sarà coordinato e vigilato dal pubblico. Nei prossimi giorni, incontrerò i rappresentanti delle Ferrovie dello Stato per valutare l'ipotesi della proroga dei comodati d'uso ai Comuni sulle aree delle ex stazioni ferroviarie, ora utilizzate prevalentemente come parcheggi».
I partecipanti alla riunione hanno condiviso la sintesi del presidente Di Giuseppantonio, invitando il Settore Urbanistica della Provincia a coordinare le attività che serviranno a raggiungere gli obiettivi prefissati.

29/10/2009 15.09

COLETTI:«COSTA TEATINA AL PALO»

«La Giunta Regionale nel rimodulare il piano di utilizzo dei fondi FAS riduce notevolmente le disponibilità da cui poter attingere le risorse per la pista ciclabile e per la rigenerazione della costa teatina».
A dichiararlo è il senatore Tommaso Coletti - già presidente della Provincia di Chieti - che sottolinea «la totale assenza della Provincia di Chieti nel difendere ciò che nel passato era stato costruito attraverso una concertazione tra la regione e le quattro province».
«Non solo - continua Coletti - la somma passa dai 25.000.000 € della passata programmazione ai 16.000.000 € di quella attuale, ma la formulazione della “macrovoce” non garantisce assolutamente la priorità per la pista ciclabile. Sono certo, continua Coletti, che nella riunione convocata per il 2 novembre prossimo con tutto il partenariato della Regione, i rappresentati della Provincia di Chieti sapranno difendere il nostro territorio come è stato fatto nel passato».

29/10/2009 15.20