Smaltimento rifiuti: tolleranza zero contro chi inquina

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2202

Smaltimento rifiuti: tolleranza zero contro chi inquina
ROSETO DEGLI ABRUZZI. Strade poco trafficate, zone collinari, punti poco accessibili, tutto va bene per disfarsi di materiali ingombranti, pericolosi o semplicemente degli scarti di cantieri piccoli e grandi o di tutto quello che in casa è diventato inutile.


E così la città rischia di diventare una sorta di discarica a cielo aperto.
Contro questo andazzo, che il sindaco, Franco Di Bonaventura, non ha esitato a sottolineare con il termine «immorale» l'amministrazione comunale ha varato un piano che non ammette più nessuna distrazione e quindi andare a spasso con il proprio cane senza il sacchetto per raccogliere gli escrementi, scaricare abusivamente materiali di scarto e oggetti ingombranti, lasciare indisturbati vicino ai cassonetti frigoriferi, gomme usate e materiali tossici o nocivi potrà diventare motivo di vero rammarico per gli incauti autori.
Oltre alle più note sanzioni amministrative infatti si rischiano denunce penali e segnalazioni alla Procura della Repubblica in caso di aziende e imprese.
« Intanto abbiamo avviato una campagna di sensibilizzazione – spiega l'Assessore all'Ambiente – spiegando ai cittadini attraverso una serie di manifesti tutte le regole da rispettare in materia di smaltimento dei rifiuti – per tenere pulita Roseto infatti occorre la collaborazione di tutti, sia di chi a Roseto ci vive e ci lavora, ma anche di tutti quelli che passano in città un periodo di vacanza».
Non sarà più tollerato il conferimento dei rifiuti organici e dell'indifferenziato in orari diversi da quelli indicati nelle ordinanze (prima delle 20.00 e dopo le 24.00) e saranno prese in considerazione tutte le segnalazioni che privati cittadini vorranno fare sia presso la Polizia Municipale che presso il settore Ambiente del Comune.
« La Polizia Municipale ha pieno mandato da parte dell'Amministrazione per portare avanti questa azione di repressione contro ogni tipo di abuso sul nostro territorio – spiega il Sindaco Franco Di Bonaventura – abbiamo deciso di investire in questa attività contro il malcostume dilagante che non rispetta il territorio e di conseguenza la collettività».
«Giuseppe Giorgini in qualità di Responsabile e Giuliana Micolucci in qualità di Agente rappresentano il nucleo operativo di Polizia Ambientale – ha spiegato il Comandante PM Emiliano Laraia – naturalmente tutto il corpo di Polizia Municipale parteciperà alle operazioni di controllo e investigazione e non si escludono azioni in borghese che consentirebbero di incastrare i soggetti proprio mentre compiono il reato».
Nel frattempo la Polizia Ambientale è intervenuta sulla discarica di località Belsito e grazie alla tecnologia GPS gli agenti sono già sulle tracce dei responsabili sia dello scarico di materiale inerte che di quello legnoso.
Beccato anche il responsabile dello smaltimento abusivo di sei gomme usate nei pressi di alcuni cassonetti, mentre è in via di definizione l'attività investigativa che porterà ad individuare i responsabili dello smaltimento abusivo di materiale pericoloso in Via Accolle. In questo caso l'Arta, su richiesta della Polizia municipale di Roseto ha già effettuato i rilievi e il materiale è stato incellofanato e reso innocuo prima del suo smaltimento.

26/10/2009 15.07