Incidente A25, per il pm responsabilità di Strada Parchi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2584

L'AQUILA. Sono state definite, dalla procura della Repubblica di Avezzano, le responsabilità nell'ambito dell'inchiesta sull'incidente stradale che il 31 dicembre 2005 costò la vita a cinque persone lungo l'A25.


L'impatto avvenne tra i caselli di Pescina e Celano, in provincia dell'Aquila, a causa del ghiaccio e della nebbia.
La procura ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini a cinque tra dirigenti e funzionari della Società Strada dei Parchi Spa, che ha in gestione la concessione di esercizio di A/24 e A/25. Le ipotesi di reato sono omissione di atti d'ufficio, omicidio colposo e disastro colposo.
Ora dovrà essere fissata l'udienza preliminare per la decisione di rinviare o meno a giudizio i cinque indagati.
Le indagini coordinate dalla procura di Avezzano e condotte dalla squadra mobile dell'Aquila, sono durate quasi quattro anni.
Durante la complessa azione sono state archiviate le posizioni di alcuni indagati.
Freddo, neve e ghiaccio in quei giorni paralizzarono tutto il centro -sud.
Il 31 dicembre, sull'A/25, un tir, dopo avere sbandato in un tratto di strada ghiacciato e in discesa, si fermò di traverso sulla carreggiata diventando una vera e propria barriera per due pullman e alcune automobili che sopraggiungevano.
Quattro le vittime a bordo dei due bus.
La quinta vittima fu un automobilista austriaco.
Poco dopo A/24 e A/25 furono chiuse al transito per le pessime condizioni, ma vi furono molte polemiche circa i ritardi del provvedimento.

26/10/2009 10.49