Civeta. Lapenna: «ho bisogno di Provincia e Regione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2666

VASTO. Per risolvere definitivamente il problema Civeta sia la Regione che la Provincia devono fare la propria parte.


E' quanto emerso dalla conferenza stampa tenuta sabato mattina a Palazzo di Città dal sindaco Luciano Lapenna.
Affiancato dai sindaci del territorio, il primo cittadino di Vasto ha fatto il punto della situazione qualche giorno dopo il Consiglio Comunale che, come si ricorderà, ha approvato due ordini del giorno sull'argomento e alla vigilia dell'arrivo dell'assessore Regionale Daniela Stati che proprio lunedì visiterà l'impianto di Valle Cena.
«Non è il momento delle polemiche – ha detto Lapenna in conferenza stampa – perché in questa fase l'interesse di noi sindaci è quello di trovare la soluzione al problema. I Comuni Consorziati faranno in pieno la propria parte. La stessa cosa devono fare Regione Abruzzo e Provincia di Chieti. Finora, purtroppo, con gli enti sovraordinati ci sono stati dei problemi perché non hanno mai considerato il Civeta una risorsa della Regione. E questo aspetto è confermato dal fatto che mancano ancora delle autorizzazioni».
Su quello che dovrà essere il futuro del Civeta, il sindaco Luciano Lapenna non ha dubbi:
«il futuro dell'impianto deve andare nella direzione del suo potenziamento. E per questo guardiamo anche ad un eventuale ingresso del capitale privato. L'errore più grave sarebbe quello di farlo diventare la succursale di qualche altro impianto regionale».
Per il primo cittadino c'è bisogno di investimenti forti per il miglioramento dell'impianto, più investimenti in conto capitale. E non si può richiedere il risanamento del Civeta per debiti che si sono accumulati negli anni anche per opere importanti, come ad esempio la messa in sicurezza della struttura. Oggi ci sono tutte le condizioni affinché si possa arrivare in tempi brevi alla soluzione di gran parte dei problemi del Civeta che, lo ripeto, è un Consorzio a servizio non solo di questo territorio ma di tutta la Regione.
Il sindaco si augura che l'arrivo dell'assessore Stati «porti ulteriori chiarimenti in questa direzione perché vedo che c'è una condivisione nel percorso da portare avanti. La Regione, negli ultimi tempi, grazie anche a questo nuovo Consiglio di Amministrazione, ha assunto un impegno maggiore rispetto al passato. E la stessa Provincia si è detta consapevole di quello che significherebbe per la nostra Regione la chiusura del Consorzio Civeta».

19/10/2009 9.34