Erosione costa, Di Dalmazio vuole un intervento risolutivo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

643

PESCARA. L'assessore al Turismo ed al Demanio marittimo, Mauro Di Dalmazio, ha chiesto a Chiodi un piano strategico.


Una soluzione non più rinviabile, secondo l'assessore che nelle scorse settimane ha partecipato ad una serie di incontri avuti a più riprese con i balneatori e con le organizzazioni di categoria degli operatori turistici.
Così Di Dalmazio ha sollecitato il presidente della Regione, Gianni Chiodi, ad elaborare un piano organico contro l'erosione della costa abruzzese che dia risultati concreti e duraturi nel tempo. L'obiettivo è quello di trovare una soluzione sia per prevenire che annullare gli effetti degli ingenti danni prodotti lungo gli oltre cento chilometri di costa abruzzese che per risolvere, una volta per tutte, una delle maggiori problematiche della regione sia in relazione all'assetto del territorio che per i risvolti turistici ed economici legati alle prossime stagioni balneari.
A tale scopo, l'assessore ai Lavori Pubblici, Angelo Di Paolo e quello al Turismo, Mauro Di Dalmazio, insieme ai tecnici regionali, hanno ravvisato la necessità di istituire un tavolo di confronto con i sindaci e gli assessori competenti dei Comuni che si affacciano sulla costa adriatica al fine di individuare soluzioni tecniche condivise e studiare, al tempo stesso, un piano strategico per affrontare in maniera non estemporanea tale problematica.
«In passato - ha sostenuto l'assessore Di Paolo - si è sempre andati avanti con interventi tampone che hanno solo generato un dispendio di risorse senza portare reali benefici alla lotta contro le mareggiate. Siamo consapevoli della gravità della situazione che rappresenta una priorità assoluta per il Governo regionale e stiamo lavorando, - ha proseguito Di Paolo - per inserire in bilancio un'adeguata dotazione di fondi che ci permetta di operare con interventi che vadano ad incidere sulla realtà costiera nel suo complesso».
12/10/2009 15.56