Disabili. La Provincia trova i fondi per l'assistenza domiciliare

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

983

CHIETI. Con una variazione di bilancio ad hoc, la Provincia ha trovato i fondi necessari per la prosecuzione del servizio di assistenza domiciliare agli studenti disabili, assicurato dall'Unione Italiana Ciechi, dall'Anffas, dall'Ente Nazionale Sordomuti e dall'Associazione delle Famiglie degli Ipoudenti.


In totale sono stati sbloccati 277 mila euro (78 provenienti dalla Regione e 199 di fondi della Provincia, recuperati nelle pieghe del bilancio), sufficienti a far proseguire il servizio sino al 28 febbraio 2010, in attesa che il nuovo bilancio assegni le risorse necessarie per tutto il 2010.
«La giunta Coletti – ha spiegato il presidente, Enrico Di Giuseppantonio – non aveva previsto nel bilancio 2009 le somme necessarie per coprire il servizio fino alla fine dell'anno, come avevamo più volte denunciato nel corso della campagna elettorale. Eppure, queste sono spese obbligatorie, che la legge assegna alle Province. Ci siamo preoccupati immediatamente, in stretto raccordo con le quattro associazioni di volontariato che sono coinvolte nel progetto, per reperire i fondi necessari per non far mancare questo essenziale servizio dedicato alle fasce più deboli della società. Con il bilancio 2010 finirà questa gestione emergenziale del problema e torneremo alla sana e corretta previsione delle somme necessarie per questi servizi».
«Abbiamo subito raccolto – ha aggiunto l'assessore ai Servizi Sociali, Gianfranca Mancini – il campanello d'allarme che le associazioni di volontariato ci hanno segnalato e grazie alla solerzia dei settori competenti abbiamo potuto garantire rapidamente la copertura dei servizi essenziali fino a febbraio 2010: del resto, una delle priorità del nostro mandato amministrativo è quella della vicinanza concreta ai più deboli e così abbiamo dimostrato da subito quale sia per noi l'importanza del settore dei Servizi Sociali».

12/10/2009 14.44