Maxitruffa in Germania, arrestato latitante nel teramano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1920



ALBA ADRIATICO. Si era nascosto ad Alba Adriatica per sfuggire alla giustizia tedesca che lo cercava per processarlo per una truffa di due anni fa.
Sono stati i militari del nucleo operativo della compagnia di Alba Adriatica ad individuare M. P., 45 anni, genovese che risultava residente a Grottammare (Ascoli Piceno) ma in realtà viveva nel centro costiero teramano.
I militari gli hanno notificato un mandato di arresto europeo emesso da una procura della Germania, per un'inchiesta su una maxitruffa commessa oltralpe agli inizi del 2008.
L'uomo è stato accompagnato nel carcere dell'Aquila, in attesa che vengano esperite le procedure di estradizione nel Paese tedesco.
Nel 2000 Repubblica pubblicò un articolo in cui si raccontava dei suoi uffici modernamente arredati, «tenore di vita da vip, viaggiava preferibilmente in Mercedes».
«La gente», si legge sul giornale di nove anni fa, «era allettata dal tenore degli annunci che faceva pubblicare sui giornali. «Prestiti immediati, con interessi minimi»; Finanziamenti anche in giornata». Contattava i clienti e li induceva a stipulare contratti di acquisto di beni (auto, moto, elettrodomestici). Le vittime dovevano rilasciare una procura a vendere quanto comprato. Le vittime sono costituite parte civile».

02/10/2009 8.51