Centro Gran Sasso. Mpa:«perché la privatizzazione non arriva?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1213

L’AQUILA. Quali sono i motivi degli ingiustificati ritardi sulla privatizzazione del Centro turistico del Gran Sasso?

Il Movimento per l'Autonomia ha presentato una interrogazione per avere risposte dal sindaco.
Secondo gli esponenti di Mpa cittadini, Corrado Ruggeri, Emanuele Imprudente e Giancarlo Stringini i rinvii «stanno seriamente compromettendo la possibilità di sviluppo del comprensorio del Gran Sasso»
Nella stessa interrogazione Imprudente chiede a Massimo Cialente «quando intende pubblicare il bando di gara e se intende prendere severi provvedimenti nei riguardi del responsabile di tali inaccettabili ritardi».
Secondo i rappresentanti dell'Mpa, sulla privatizzazione del Centro turistico il sindaco dell'Aquila ha rivolto una serie di annunci, di proclami che non hanno avuto alcun seguito, nonostante all'unanimità (il consigliere di Forza Italia Lombardi si era astenuto) il Consiglio Comunale avesse approvato la privatizzazione della Spa comunale.
«Proprio in questa fase di ripartenza, dopo i tragici accadimenti del 6 aprile - ha detto Corrado Ruggeri - il Gran Sasso rappresenta una delle aspettative di rilancio e di sviluppo dell'interno comprensorio ma su questo tema c'e' ancora il silenzio, con gravi ritardi anche sul fronte occupazionale».
Per Imprudente «e' giunto il momento di avere il coraggio di fare delle scelte strategiche». Sull'attuale quadro politico Ruggeri ha detto di «voler sapere dal primo cittadino se la maggioranza c'e' o no, se bisogna andare avanti o meno. Ogni giorno - ha proseguito Ruggeri - leggo che la maggioranza perde dei pezzi».
Nell'ultimo consiglio comunale, infatti, quattro consiglieri del Pd si sono dissociati dalle linee del loro partito annunciando di votare secondo coscienza.
Qualche giorno fa l'assessore di Rifondazione Comunista ha dato le dimissioni.
«Vorremmo sapere dal sindaco», hanno concluso i tre, «se la privatizzazione si fa o no, noi siamo totalmente contrari a questa scelta e lo abbiamo sempre detto».

25/09/2009 9.14