Fondi Unità d’Italia, si continua a sperare l’arrivo dei soldi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1485

PESCARA. L’amministrazione comunale di Pescara ha ribadito il proprio impegno per riuscire a ottenere i fondi destinati agli interventi infrastrutturali legati alla celebrazione dell’Unità d’Italia.



I fondi servono per la realizzazione della copertura del Teatro D'Annunzio e dei parcheggi di scambio a Pescara sud.
L'impegno ad ottenere quei soldi lo aveva già ribadito il sindaco di Pescara che ha intrecciato una fitta corrispondenza con il Sottosegretario Letta e lo ha confermato il Consiglio comunale che ieri ha approvato all'unanimità la relativa mozione predisposta dalla Commissione consiliare permanente Lavori pubblici.
«Lo scorso luglio si era diffusa una notizia che aveva ovviamente suscitato perplessità – ha ricordato il Presidente della Commissione Lavori Pubblici, Armando Foschi -, ossia che Pescara era stata esclusa dai fondi stanziati dal Governo per celebrare l'Unità d'Italia».
Immediato l'intervento del sindaco Albore Mascia che ha inviato una nota al Sottosegretario Letta che ha poi chiarito che in realtà Pescara non aveva perso quei fondi che non erano mai stati assegnati, piuttosto ha ricordato che il Comitato aveva inizialmente approvato solo un ristretto programma di interventi strutturali a causa del limitato ammontare delle risorse finanziarie a disposizione.
Tuttavia, nella stessa lettera il Sottosegretario ha anticipato che quello erogato era solo il primo blocco di finanziamenti, un anticipo rispetto a un più vasto programma di interventi che erano già all'esame del Comitato dal 21 settembre 2007 e che avrebbe trovato una più adeguata copertura finanziaria nel triennio 2008-2010.
Nella mozione, approvata all'unanimità, dunque, il Consiglio comunale ha impegnato sindaco e giunta «ad attivare ogni iniziativa possibile affinché si trovi adeguata copertura finanziaria nel triennio 2008-2010, affinché si prendano contatti immediati con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e con il Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi per finanziare l'intervento previsto sul Comune di Pescara, mobilitando tutta la filiera istituzionale per far sì che gli stanziamenti prospettati alla città di Pescara siano salvaguardati e quindi corrisposti».

Il gruppo di maggioranza del Consiglio comunale ha poi approvato a fine seduta, con l'uscita dagli scranni della minoranza di centrosinistra, la variazione di bilancio proposta dall'assessore alle finanze Eugenio Seccia, che prevede l'utilizzo delle maggiori entrate pari a 400mila euro derivanti dal servizio di riscossione dei parcheggi a pagamento della città, che dallo scorso primo luglio l'amministrazione gestisce personalmente, per pagare gli stipendi degli addetti al servizio di riscossione degli stessi posti auto sino alla fine dell'anno.

23/09/2009 10.57