Al Consiglio provinciale il nod della viabilità Montesilvano-Città Sant’Angelo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2339

MONTESILVANO. Mercoledì al Consiglio Provinciale dovrà essere approvato il progetto preliminare per migliorare la viabilità nei Comuni di Montesilvano e Città S. Angelo.


Interventi che saranno realizzati grazie allo stanziamento Cipe di 15,8 milioni di euro.
«Dobbiamo procedere spediti su questo punto – ha affermato il presidente del Consiglio Giorgio De Luca – poiché entro il 31 dicembre dobbiamo obbligatoriamente assegnare i lavori».
I lavori prevedono principalmente la realizzazione di tre ponti sul Saline, interventi vari per il miglioramento della viabilità sul lungofiume e l'apertura di uno nuovo tratto stradale da via Togliatti a via Vestina.
La progettazione preliminare, in seguito ad un concorso pubblico, è stata affidata alla ditta Integra srl di Roma, che ha recentemente trasmesso alla Provincia gli elaborati richiesti per l'approvazione. E a proposito del progetto preliminare, la Commissione “Grandi infrastrutture e pianificazione del territorio” presieduta da Graziano Zazzetta, che ha come referente in Giunta l'assessore Andrea Faieta, ha esaminato nei dettagli le proposte progettuali e ha proposto una rimodulazione di alcune parti del progetto, che sarà oggetto dell'emendamento alla delibera da approvare in Consiglio provinciale mercoledì.
Presente anche il consigliere provinciale Ferdinando Di Giacomo, assessore al Comune di Montesilvano e componente della stessa commissione consiliare della Provincia.
In sostanza i componenti della Commissione, ascoltato anche il parere degli assessori ai lavori pubblici e di Montesilvano, Domenico Di Giacomo (viabilità) e Tereo De Landerset (lavori pubblici) e dell'assessore alla viabilità di Città S. Angelo, Ignazio Pratense, intendono chiedere alla Integra di modificare il progetto del tracciato viario tra via Togliatti e via Vestina, in quanto l'attuale percorso non tiene conto di edifici esistenti e in costruzione; di spostare la realizzazione del ponte dell'Adriatico in asse con la viabilità esistente tra il Palacongressi e la Statale 16, per non interferire sul realizzando parco fluviale; di rivedere il tracciato tra il depuratore e la via Vestina in modo da prolungarlo nel territorio del comune di Montesilvano parallelamente all'autostrada fino al confine con il comune di Cappelle, e facilitare il collegamento con le aree interne. L'emendamento, firmato dai consiglieri della Commissione e dallo stesso assessore Faieta sarà dunque presentato in Consiglio prima della discussione della delibera.
Il consigliere Ferdinando Di Giacomo, presenterà anche una mozione in cui chiede al presidente Testa e agli assessori Faieta e Ruggieri di avviare le opere di ristrutturazione, ampliamento e progettazione per il miglioramento della viabilità a Montesilvano, intervenendo su strade provinciali quali la fondovalle “Fosso grande”, la strada di collegamento tra i colli Madonna e Montesilvano colle, via Togliatti e via Alcide De Gasperi.
«Interventi propedeutici e funzionali – asserisce Di Giacomo- a quelli previsti con i finanziamenti CIPE».
Tra gli altri punti all'o.d.g. altre mozioni e interrogazioni (tra cui quella di Sandro Di Minco, PRC, sull'istituzione della anagrafe pubblica degli eletti) e alcune varianti al piano regolatore dei Comuni di Penne e di Spoltore.

22/09/2009 13.57