Roseto a scuola, si parte il 21. Costi invariati per mensa e scuolabus

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

891

ROSETO. Invariati i costi di iscrizione e i tiket per mensa trasporto scuolabus. Prima campanella lunedì 21 per materne, elementari e medie. * SCUOLA. A PINETO PROBLEMI SOVRAFFOLLAMENTO RISOLTI
I primi a tornare in classe il 1 settembre, sono stati i piccoli degli Asili nido comunali di Roseto in tutte le sue sedi: il “Mariele Ventre” di Via Manzoni, il Micro Nido in Via Nazionale presso la scuola paritaria S. Maria Assunta e il nuovo l'Asilo Nido di Via Accolle.
«Grazie alla realizzazione del nuovo nido di Via Accolle da quest'anno il Comune di Roseto è in grado di offrire una disponibilità di ben 115 posti pubblici per piccoli da 6 a 36 mesi – ha sottolineato il vice sindaco Teresa Ginoble – si tratta di una scelta dell' amministrazione mirata a sostenere le famiglie con i figli con particolare attenzione per tutte le madri che lavorano».
Invariate le rette di ammissione, comprese le riduzioni applicate per il secondo figlio e l'eventuale terzo figlio.
Il Nido di Via Accolle è stato esternalizzato attraverso un Bando di evidenza pubblica.
La gara è stata vinta dalla cooperativa i Girasoli che gestirà la struttura per i prossimi dieci anni. Dei complessivi 60 posti disponibili ben 30 sono rimasti a disposizione del Comune e quindi vengono assegnati tramite graduatoria.
«Si tratta di una scelta molto importante a favore delle famiglie e delle donne lavoratrici che differenzia Roseto da altri Comuni –ha spiegato il sindaco Franco Di Bonaventura – una scelta orientata a rafforzare l'offerta con l'aumento di posti per dare risposte a tutte le richieste. Con l'esternalizzazione inoltre abbiamo azzerato i costi a carico della collettività».
Le scuole Materne, Elementari e Medie riapriranno il 21 di settembre. «All'appuntamento, le nostre strutture si presenteranno in ordine come sempre- ha illustrato il vice Sindaco Teresa Ginoble – il servizio mensa sarà riattivato entro la prima settimana di ottobre, mentre rimangono invariati i costi di tutti i servizi a domanda individuale».
2,50 € il tiket per singolo pasto; 100 € il trasporto scuolabus con riduzione fino al 50% per il secondo figlio e esenzione totale per il terzo ed eventuale quarto figlio.
Il servizio mensa nella scuola materna potrà restare attivo fino al 30 giugno ma solo a fronte di un numero sufficiente di richieste da parte delle famiglie.
Nessun dato certo ad oggi per quanto riguarda le iscrizioni degli alunni aquilani sfollati a Roseto. I dati forniti dalle direzioni didattiche sono infatti in continuo aggiornamento e l'Amministrazione si riserva di prendere le relative decisioni, sempre in collaborazione don i responsabili delle scuole, quando i dati saranno definitivi.
18/09/2009 15.14

[pagebreak]

SCUOLA. A PINETO PROBLEMI SOVRAFFOLLAMENTO RISOLTI

PIENTO. Le proteste dei giorni scorsi da parte dell'amministrazione comunale di Pineto, dei genitori dei piccoli studenti che frequentano la scuola media cittadina e della direzione scolastica per il sovraffollamento delle classi prime (anche sino a 35 alunni) hanno ottenuto il risultato sperato.
Questa mattina, mentre l'assessore alla pubblica istruzione Tiziana Di Tecco e il dirigente del settore competente del Comune Mauro Cerasi stavano raggiungendo L'Aquila per incontrare i responsabili della direzione scolastica regionale e manifestare tutta la loro preoccupazione per la situazione che si era venuta a creare, è arrivata la comunicazione da parte della stessa direzione regionale sull'autorizzazione a creare una nuova classe di prima media per la scuola Giovanni XXIII di Pineto centro.
Ben 130 alunni iscritti al primo anno, con 3 classi da 35 studenti. Davvero troppi per poter assicurare il regolare svolgimento delle lezioni.
Il provvedimento adottato questa mattina dai vertici scolastici regionali consentirà al preside, il professor Spezialetti, di organizzare una quinta classe di prima media in più (in precedenza ne erano 4 e superaffollate) consentendo così una migliore organizzazione delle lezioni.
«Mentre eravamo in viaggio per L'Aquila è arrivata la comunicazione da parte della direzione scolastica regionale», spiega l'assessore Di Tecco, «è certamente una notizia positiva se pensiamo al problema che genitori, alunni e insegnanti avrebbero dovuto condividere perché le classi erano troppo affollate. Nel senso che 35 alunni per una classe avrebbe rappresentato difficoltà e problemi a non finire. Se è vero che l'istruzione è un diritto, è altrettanto vero che non si possono garantire situazioni di questo genere, peraltro al limite della sopportabilità».
Con una classe in più a disposizione, la direzione della scuola media di Pineto centro potrà ora ripartire al meglio il numero degli alunni per ciascuna classe di prima media. Tale suddivisione dovrebbe garantire 25, al massimo 26 alunni per ciascuna classe.
Va sottolineato che i genitori dei bambini che da lunedì inizieranno a frequentare la prima media avevano intenzione di scendere in piazza, dinanzi al municipio, proprio alla riapertura dell'anno scolastico. Con la decisione presa dalla direzione regionale scolastica, ogni forma di protesta al momento è stata annullata.
I genitori dei piccoli studenti, tuttavia, hanno assicurato che non abbasseranno la guardia.


18/09/2009 15.16