Tolleranza zero sulla sosta: 33 parcometri in funzione

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1081

PESCARA. Cominceranno a partire da lunedì prossimo, 21 settembre, i controlli serrati della Polizia municipale di Pescara sul corretto e puntuale utilizzo dei nuovi 33 parcometri installati nelle aree adibite a parcheggio a pagamento sul territorio cittadino.

Due pattuglie dei vigili urbani avranno il compito di monitorare, ed eventualmente sanzionare, quei pochi utenti che magari, approfittando della lontananza del posteggiatore, penseranno di poter lasciare l'auto in sosta senza dover pagare il ticket o ancora pagheranno una somma minima per poi lasciare la vettura tra le strisce blu per l'intera giornata.
Lo hanno precisato gli assessori del Comune di Pescara al Traffico Berardino Fiorilli, vicesindaco, e alla Polizia municipale Gianni Teodoro, in vista dell'avvio dei controlli.
«Superata la prima fase di emergenza, la nuova amministrazione comunale è riuscita a dare stabilità al servizio della sosta a pagamento – hanno ricordato gli assessori Fiorilli e Teodoro -, prima salvando i posti di lavoro degli operatori che da vent'anni si occupano della gestione delle aree e, subito dopo, ripristinando sul territorio i 33 parcometri in sostituzione di quelli che erano stati smantellati dalla vecchia impresa responsabile del settore una volta scaduto il contratto. Non solo: i nuovi impianti, entrati in funzione il 31 agosto scorso, con dieci giorni di anticipo rispetto alle previsioni, sono ad elevata tecnologia, all'avanguardia, addirittura alimentati tramite pannelli fotovoltaici, con una memoria che consente di verificare in ogni momento eventuali problemi o guasti».
«Ora, dopo tre settimane di ‘rodaggio', andremo a verificare il corretto funzionamento del servizio: da lunedì – hanno ancora ricordato gli assessori Fiorilli e Teodoro – due pattuglie della Polizia municipale avranno il compito specifico di verificare il regolare pagamento della sosta da parte degli automobilisti che lasceranno la propria vettura tra le strisce blu. Gli agenti dovranno accertare la presenza del tagliando lasciato esposto sul parabrezza e soprattutto il rispetto della tempistica. In altre parole, chi avrà pagato solo la prima mezz'ora di parcheggio, non potrà pensare di lasciare la vettura in sosta per l'intera giornata, o anche due ore, sperando di farla franca e di risparmiare qualche spicciolo».

15/09/2009 16.48