Casa dello studente: Longhi: «totale improvvisazione di Mascia»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1856

PESCARA. La Casa dello Studente di Pescara non ha ancora visto posarsi la prima pietra e già cominciano le polemiche.


Dopo l'annuncio del sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, e dell'assessore all'urbanistica, Marcello Antonelli, sull'imminente costruzione della “case dello studente”, i lavori dovrebbero iniziare a fine settembre 2009 e concludersi a ottobre 2010, Emilio Longhi, eletto del Consiglio d'amministrazione dell'Adsu Chieti-Pescara, risponde alle dichiarazioni.
«Ritengo questo come l'ennesimo annuncio-spot dell'amministrazione Mascia – ha dichiarato Longhi - Quella che viene annunciata appare più come un albergo per universitari che non come una Casa Dello Studente».
Per Longhi «appare inconsistente l'ipotesi gestionale, il piano industriale che dovrebbe stare alla base della realizzazione di un edificio di questo tipo. Il coinvolgimento dell'Adsu appare più che necessario, addirittura obbligatorio, sia per la normativa regionale e nazionale sul diritto allo studio, sia per il fatto che a Pescara non vi è possibilità di scegliere eventuali altri alloggi gestiti da enti pubblici».
Risulta, però, alquanto problematico, secondo Longhi, che l'Adsu, commissariata dal mese di luglio dal presidente della Regione, Gianni Chiodi, possa assumere una decisione tanto complessa e importante senza un presidente con pieni poteri.
Il tutto sarebbe «aggravato» da quella che il consigliere definisce «totale improvvisazione dell'amministrazione comunale, che non ha ritenuto opportuno il coordinamento con le associazioni universitarie e l'Ateneo Pescara-Chieti, veri attori coinvolti in questa tematica».
«Considerate queste premesse – ha concluso Longhi - chiedo la convocazione immediata di un tavolo di presentazione e illustrazione di tale progetto, invitando a partecipare oltre all'Università, anche le rappresentanze studentesche e l'Adsu per una tavola rotonda sugli alloggi per universitari, considerato che, anche per questo tema, passa il futuro della città».

10/09/2009 16.35