Fontanelle, la giunta Mascia promette interventi sugli impianti sportivi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

862

PESCARA. I lavori per la palestra bloccati da almeno tre anni. Il progetto è stato giudicato obsoleto e la struttura non è mai stata completata.


La nuova giunta ha deciso però di reimpiegare subito le somme disponibili e congelate in bilancio da tre anni per rifare il campo Flacco in erba e restituirlo subito ai cittadini di Porta Nuova.
Nel frattempo, l'intenzione dell'assessore alle Finanze, Eugenio Seccia, è quella di riaffidare in tempi rapidi la progettazione della nuova palestra di Fontanelle.
Nei giorni scorsi alcuni consiglieri di opposizione avevano lanciato strali polemici circa le condizioni delgi impianti sportivi.
«La nuova amministrazione comunale», ha detto Seccia, «ritiene la struttura polivalente di Fontanelle un elemento di aggregazione dedicato ai giovani fondamentale sotto il profilo sportivo e sociale, una palestra che però il centro-sinistra, in sei anni, non è riuscita a portare a termine».
Di fatto oggi nel sito esistono solo dei pilastri, non ci sono i sottoservizi, non sono state fatte le opere in muratura, non esiste alcunchè, perché il cantiere è stato bloccato tre anni fa ritenendo il progetto ormai obsoleto, superato, incapace di soddisfare i bisogni e le esigenze del quartiere.
Per tre anni la vecchia giunta si è dibattuta nella necessità di riaffidare il rifacimento del progetto esecutivo, da riportare in approvazione, ma per tre anni è rimasta ferma, lasciando congelati 800mila euro.
«Quando ci siamo insediati», ha chiarito l'assessore, «è subito emerso il problema, e dinanzi all'impossibilità di far proseguire i lavori, abbiamo deciso di riutilizzare i fondi per il rifacimento del campo di calcio del Flacco, che tra l'altro insiste sempre nel quartiere Porta Nuova. Durante i Giochi del Mediterraneo, infatti, il campo è stato ricoperto da uno strato d'asfalto, rendendolo oggi inutilizzabile da associazioni e giovani. Oggi abbiamo deciso di ripristinare quell'impianto in erba sintetica, tra l'altro risparmiando sulle spese che altrimenti avremmo dovuto sostenere per l'eventuale rimozione dell'asfalto e il rifacimento dell'impianto in erba naturale».

09/09/2009 8.56