Tafferugli dopo Lanciano- Pescara: arrestati 2 tifosi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3397

LANCIANO. Due tifosi del Pescara Calcio sono stati arrestati a seguito dei tafferugli scoppiati dopo la partita Lanciano-Pescara.

Alla fine del derby di Prima Divisione, che si è concluso con il risultato 2-2, gli animi dei tifosi si sono surriscaldati.
Per fortuna nessun ferito grave ma sono state numerose le auto parcheggiate nei pressi dello stadio danneggiate dal lancio di bottiglie e altri oggetti.
L'intervento della polizia ha consentito che la situazione non degenerasse.
Il pm del Tribunale di Lanciano Rosaria Vecchi ha disposto l'arresto di F.D.R., 35 anni, di Pescara, e di P.N. (25) di Montesilvano (Pescara).
I due devono rispondere dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.
Il primo, per non far avvicinare i poliziotti, li ha minacciati brandendo e roteando una cintura dei pantaloni dal lato della fibbia metallica.
L'altro è stato sorpreso a lanciare bottiglie di vetro. Gli incidenti, cominciati subito dopo la fine della partita, hanno coinvolto una quarantina di tifosi del Pescara.
Un sostenitore del Lanciano è stato medicato in ospedale; alcuni agenti di Polizia sono stati aggrediti e hanno dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari.

07/09/2009 10.16