Parcheggi a pagamento, quella proroga che fa discutere

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1214

CHIETI. Un appalto vinto nel febbraio del 2004 e poi prorogato dopo la scadenza per ben due volte. Nonostante il parere contrario dei Revisori dei Conti.


La storia la porta alla luce la consigliere Comunale del Pdl Emilia De Matteo che ha presentato sulla questione una interrogazione al sindaco Francesco Ricci.
Il servizio affidato, dopo una regolare gara, con una delibera del febbraio del 2004 è quello di gestione e custodia dei parcheggi a pagamento, coperti ed a raso. La vincitrice fu la società Ecoesse Soc. Coop di Roccamontepiano.
La data di scadenza era stata fissata per il 28 febbraio del 2009.
Ma il giorno prima della scadenza, rileva De Matteo, con una determinazione dirigenziale (la numero 611) il V Settore Lavori Pubblici ha deciso «la continuità del servizio di gestione», per altri sei mesi e quindi fino al 31 agosto 2009, in attesa dello svolgimento delle nuove operazioni di selezione del nuovo contraente.
Ma lo scorso 2 settembre altra determinazione dirigenziale (la numero 2574) sempre del dirigente del settore Lavori Pubblici e nuova proroga «fino al 30.09.2009».
Il 23 giugno scorso, però, come si evince dal verbale, il Collegio dei Revisori dei Conti del Comune aveva segnalato «la illegittimità della proroga». Si è andati comunque avanti.
Ora la De Matteo chiede al «quale norma di legge è alla base della determinazione dirigenziale che ha stabilito il rinnovo del servizio di gestione e custodia dei parcheggi pubblici a pagamento» e «quali ragioni obiettivamente non dipendenti dalla volontà dell'Amministrazione Comunale sottendono al mancato avvio e realizzazione delle procedure di evidenza pubblica per affidamento del servizio di gestione e custodia dei parcheggi pubblici».

05/09/2009 10.54