Operazione "Easy-Bancomat": arrestati 3 hacker informatici

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1550

GIULIANOVA. Si trovano nel carcere di Teramo tre bulgari arrestato dai carabinieri di Giulianova con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata all’utilizzo di carte clonate.

Nei giorni scorsi i militari avevano ricevuto diverse denunce sporte da cittadini e da turisti, di clonazione di carte di credito e bancomat, tra la provincia di Teramo ed Ascoli Piceno.
Inoltre, alle 22 circa di venerdì scorso ai carabinieri è arrivata una importante segnalazione: alcune persone non riuscivano ad effettuare prelievi di contante presso lo sportello bancomat perché c'erano tre persone che occupavano la postazione da diverso tempo. Immediatamente i carabinieri sono arrivati sul posto.
I tre alla vista dei militari sono fuggiti ma l'inseguimento a piedi e con le autovetture si è concluso dopo una breve colluttazione, con il fermo di tre persone, di cui una donna.
Si tratta di Ireneta Dimitrova, Kiril Ganushev e Dimitar Yonchev, rispettivamente di 41 anni e 31 gli altri due, tutti di nazionalità bulgara.
La perquisizione eseguita sulle persone e sull'autovettura in loro possesso ha consentito di rinvenire un vero e proprio “arsenale telematico”, composto da 14 carte di credito intestate, 8 carte di credito prive di logo ed intestazione, 2 computer portatili, 7 telefono cellulari, 2 hardisk portatili, 4 penne usb, 2 micro-sd ed alcuni cavi necessari per i collegamenti con l'impianto bancomat e la cattura dei codici segreti e la lettura delle bande magnetiche.
In più è stata ritrovata la somma contante di 4.025 euro ed appunti scritti a mano di codici segreti.
E' emerso subito un dato inconfutabile: «Si trattata di professionisti del crimine informatico, specializzati nella clonazione di carte di credito», come hanno spiegato oggi i militari.
Tra gli appunti rinvenuti dai Carabinieri vi sono anche elenchi relativi alla dislocazione sul territorio nazionale di bancomat di un noto Istituto di credito nazionale, di cui alcuni già oggetto di prelievi di denaro contante.
Il capitano Dellegrazie, comandante della Compagnia Carabinieri di Giulianova ha sottolineato l'importanza dell'operazione, che getta le basi per poter scoprire numerosi crimini dello stessa tipologia, commessi in tutt'Italia, precisando che si tratta certamente di criminali organizzati dell'est che operano senza confini e grande capacità organizzativa.

27/07/2009 11.51