Estate 2009, collegamenti con la Croazia per un solo mese

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1058

PESCARA. Riprenderanno sabato 25 luglio i collegamenti marittimi tra Pescara e le isole croate assicurati dal Pescara Jet, la nave veloce della Snav.

Quest'anno dunque i collegamenti saranno effettuati per un solo mese dell'estate.
Un risultato che dal Comune presentano come raggiunto in extremis mentre assicurano che bisognerà riprendere un dialogo «interrotto ormai da un anno con le maggiori compagnie di navigazione per riportare nel nostro porto quelle rotte che, la stessa amministrazione di centrodestra aveva ripristinato a fine anni '90».
«Il Pescara Jet», ha riferito l'assessore Fiorilli, «ripristinerà il servizio il prossimo 25 luglio: i viaggi saranno quotidiani, con partenza da Pescara alle 10.30 e ritorno nel capoluogo adriatico alle 23.30, sino a fine agosto».
L'amministrazione comunale ha già predisposto la presenza nel porto di bus navetta che dovranno trasportare i passeggeri dalla Stazione marittima alla banchina di imbarco e viceversa.
La Provincia, invece, si sta attivando per effettuare minimi interventi di manutenzione sul fabbricato della Stazione marittima, per garantire la perfetta accoglienza degli utenti.
«Quest'anno», ha aggiunto Fiorilli, «abbiamo trovato una situazione problematica: il capoluogo adriatico aveva già perso, lo scorso inverno, il collegamento tradizionale garantito dalla nave veloce; la Snav ha, anch'essa, preferito ridurre al minimo i propri collegamenti, anche per le notevoli difficoltà legate alla manutenzione delle banchine portuali e ai fondali troppo bassi, fondali dove solo da un mese sono in corso le operazioni di escavazione e rimozione dei fanghi. A settembre spetterà alla nuova amministrazione comunale riaprire un dialogo politico-amministrativo con le maggiori compagnie di navigazione italiane e straniere che potrebbero essere interessate a riprendere i collegamenti. Un'operazione – ha aggiunto l'assessore Fiorilli - che sicuramente dovrà essere affiancata da un'attenta campagna di marketing turistico: non basta, infatti, collegare Pescara all'altra sponda dell'Adriatico per ‘fare' turismo, occorre piuttosto elaborare, con le forze produttive del territorio, dei ‘pacchetti', delle proposte concrete per rendere appetibili le vacanze nel capoluogo adriatico e far lievitare il numero dei passeggeri che non si limiterebbero a ‘transitare' su Pescara, ma si fermerebbero nei nostri alberghi per mangiare nei nostri ristoranti e vivere la città».

20/07/2009 8.53