Invasione di cavallette a Bazzano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1853

L’AQUILA. Ieri è arrivata anche l’invasione delle cavallette al tribunale dell’Aquila. La città ha dovuto così sopportare una delle dieci piaghe d’Egitto, come se non fosse già sufficiente tutto quello che è accaduto dal 6 aprile in poi.


«Siamo proprio jellati», commentavano ieri gli aquilani in tenda.
Fra i primi a dare l'allarme è stato un tecnico del Comune dell'Aquila, Vincenzo Colantoni, che fa parte del pool comunale per la gestione e la manutenzione del Palazzo di Giustizia.
Una scena incredibile tra lo spavento e l'incredulità della gente.
Colantoni è intervenuto nel nuovo Tribunale, situato nella zona industriale di Bazzano, chiamato dai vertici del Tribunale e da numerosi impiegati.
Le stanze sono state invase dagli insetti anche a causa delle finestre spalancate per il gran caldo.
«La piana di Bazzano è stata invasa da milioni di cavallette - ha spiegato il tecnico -. Sono paragonabili a grilli giganteschi che emettono anche rumori molto forti».
Colantoni ha chiamato l'Azienda sanitaria locale «che è intervenuta programmando la disinfestazione della zona per questa notte e ha disposto anche analisi su alcuni insetti catturati per verificare se c'é una pericolosità o meno per le persone».
Secondo i primi accertamenti l'episodio è da ricondurre alle mietiture avvenute nei campi nei giorni scorsi e al taglio dell'erba in alcune distese verdi della zona.
Alla Asl dell'Aquila sono arrivate molte telefonate, tra cui quelle dei responsabili del Tribunale, i quali hanno chiesto un sollecito intervento visti i gravi disagi arrecati al personale durante tutta la giornata.
16/07/2009 10.22