Maschere anti gas verso il G8. Fermati ma sono giornalisti

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2106

L'AQUILA. Alta tensione tra L'Aquila e Roma nella prima giornata del G8. Questa mattina sono stati fermati 4 giovani olandesi dalla polizia stradale a Carsoli.

All'interno dell'auto la polizia ha trovato un caschetto e una maschera antigas che hanno fatto scattare i controlli.
Dopo alcuni accertamenti si è scoperto però che uno dei 4 aveva un tesserino professionale da giornalista della federazione olandese, mentre gli altri 3 sono cineoperatori e tecnici.
I fermati hanno infatti spiegato che si trattava di materiale che sarebbe servito loro in caso di manifestazione dei No-global e sono stati rilasciati senza denuncia.
Alle 11 di questa mattina, invece, il personale del Posto Polfer di Sulmona, nel corso delle attività di controllo sui treni in partenza ed arrivo ha denunciato un uomo di 25 anni, proveniente dalla provincia di Matera.
Dopo un controllo al suo bagaglio è stata trovata una mazza ferrata tipo tubo idraulico del diametro di 4 centimetri e della lunghezza di 50, tre sassi avvolti in panni separati ed una batteria 12 volt per motorino.
L'uomo ha poi detto agli agenti che la sua intenzione era quella di andare a L'Aquila per manifestare contro il G 8.
Il Questore della provincia ha emesso nei suoi confronti  Ordinanza di Rimpatrio mediante Foglio di Via Obbligatorio.
Tensione alle stelle anche a Roma dove stamattina un greco, un francese, una ragazza americana e una brasiliana sono stati arrestati dalla polizia che stavano manifestando contro il G8.
I ragazzi hanno srotolato uno striscione con scritto in inglese "Raffreddate il clima, Berlusconi puo' farlo togliendosi i vestiti" e stavano per inscenare uno spogliarello, ma l'intervento di polizia e carabinieri lo ha evitato.
08/07/2009 17.50