Parcheggi sul marciapiede, Pd scrive al prefetto. Domenica la protesta

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2914

Parcheggi sul marciapiede, Pd scrive al prefetto. Domenica la protesta
PESCARA. Dopo gli iniziali botta e risposta tra minoranza e sindaco, il gruppo consiliare cittadino del Pd ha scritto una lettera al prefetto.

Nella missiva sono stati elencati tutti i motivi per cui «un marciapiede non può trasformarsi in una corsia di marcia per le auto, come è stato fatto».
I consiglieri del Pd rispondono all'ordinanza dello scorso 26 Giugno del nuovo sindaco Luigi Albore Mascia che, per guadagnare altri 500 posti auto nel tratto che va da via Cavour sino al confine con Montesilvano, ha ripristinato i famosi parcheggi sui marciapiede, banditi dalla precedente amministrazione.
La lettera del gruppo consiliare, trasmessa oltre che al prefetto alla Polizia Stradale, al corpo di Polizia Municipale ed al Comune, elenca una lunga serie di valutazioni tecniche per cui l'ordinanza non garantirebbe, «la sicurezza e l'incolumità pubblica».
Si tira in ballo l'articolo 158 del codice della strada (lettera h) che vieta sosta e fermata dei veicoli sui marciapiedi, salvo diversa segnalazione.
Secondo i consiglieri, quel «salvo diversa segnalazione» permetterebbe solo il parcheggio sul marciapiede quando esso sia «limitrofo alla carreggiata», un caso diverso rispetto a quello in esame, in cui per arrivare al parcheggio bisogna accedere al marciapiede e percorrerlo, anche per lunghi tratti».
Inoltre i nuovi parcheggi sui marciapiede sono del tipo “a spina di pesce”, e dovrebbero quindi non solo rispettare precise dimensioni («qui non rispettate») ma prevedere anche una corsia di manovra.
I consiglieri del Pd sottolineano che quest'ultima non viene nemmeno menzionata nell'ordinanza contestata e che di fatto non vi è questa corsia che serve per le operazioni di entrata e di uscita dal parcheggio.
Da questo, secondo gli oppositori, è innegabile il grave intralcio per la circolazione degli autoveicoli e il grave pericolo che possono correre i pedoni e i ciclisti sul posto.
In ultima istanza il gruppo consiliare si rifà all'articolo 20 sempre del codice della strada che sull'occupazione di marciapiedi da parte di chioschi, edicole od altre installazioni.
In questo caso l'occupazione può essere consentita fino ad un massimo della metà della loro larghezza, lasciando sempre libera una zona per la circolazione dei pedoni larga almeno 2 metri.
Ci sarebbero poi alcune carenze che hanno fatto storcere il naso ai consiglieri del Pd: «per un provvedimento tanto impattante quanto complesso», spiegano, «non si rinviene nè la firma del dirigente, né quella del Segretario Generale del Comune, né alcun parere tecnico, né della Polizia Municipale, né del Servizio mobilità del Comune di Pescara».
Secondo gli oppositori nessuno se la sarebbe sentita di supportare «un provvedimento così privo di ogni fondamento di legittimità».

MASCIA:«NOI RISPONDIAMO CON I FATTI»

«Una nuova segnaletica, con a terra gli indicatori di rallentamento, il miglioramento dei varchi di ingresso e uscita, con la bonifica di tutta la riviera nord, che purtroppo, dopo sei anni di incuria versa in condizioni indecenti e, soprattutto, l'apertura di un dialogo con l'Istituto ex Enaip, situato proprio sul lungomare, per chiedere l'utilizzo dei 150 posti auto situati all'interno dell'area recintata».
Risponde così il sindaco Luigi Albore Mascia alle polemiche del Pd all'indomani del nuovo sopralluogo svoltosi ieri pomeriggio lungo il marciapiede lato mare della riviera nord, tra via Cavour sino al confine con Montesilvano, dove da una settimana sono stati ripristinati 500 parcheggi.
«Dopo una settimana, come preannunciato, abbiamo già individuato dei correttivi che ci permetteranno di ottimizzare l'utilizzo dell'area – ha detto il sindaco -: partiamo con la pulizia dell'asse litoraneo e infatti ho già disposto l'immediata bonifica di quel tratto di riviera lasciato per sei anni in condizioni di totale degrado, con il taglio dei rami troppo bassi delle palme, che oggi rischiano di ferire i pedoni. Una verifica dei parcheggi ci ha permesso di eliminare i primi 4 posti auto situati a ridosso dello stabilimento Orsa Maggiore, nell'ingresso della rotonda Paolucci; quei posti verranno già da domani sostituiti con gli stalli per gli scooter».
«A questo punto ci dica Blasioli», ha aggiunto il sindaco, «dove ha ‘nascosto' quei 2mila posti auto visto che non riusciamo a trovarli. L'ex assessore avrebbe fatto meglio a chiarire di aver offerto ogni estate, 2mila posti auto messi a disposizione da privati, gli stessi che quest'anno hanno rifiutato la concessione in utilizzo dell'area, privati con i quali il centro-destra tenterà di recuperare un dialogo per il bene della città. L'ex assessore ha tentato di gettare ‘ombre oscure' su un'ordinanza trasparente affermando addirittura che, nel documento di istituzione dei parcheggi, mancano i pareri del dirigente e dei tecnici di riferimento, sbandierando una fotocopia dell'ordinanza presa non si sa quando o dove: per l'ex assessore sarebbe stato sufficiente visionare la minuta dell'ordinanza e avrebbe trovato le firme, evitando figuracce».

DOMENICA LA PROTESTA DEI CITTADINI

E al coro di proteste della minoranza in consiglio comunale si aggiungono anche i malumori dei cittadini pescaresi che non hanno gradito troppo la nuova trovata di Albore Mascia.
Per questo domenica 5 giugno le associazioni Marelibero, WWF e Critical Mass lanciano la seconda azione di protesta con un doppio appuntamento: alle 9.30 il primo (fino alle 11.00) e alle 18.30(fino alle 19.30) alla rotonda Paolucci-altezza via Cavour- per una “marcia a piedi” e in bicicletta lungo il tratto di riviera occupato dalle automobili.
La prima azione di protesta, virtuale, quella d' inondare di mail il sindaco, («ne stanno arrivando tantissime», assicurano gli organizzatori) «sta dimostrando che tanti cittadini di Pescara considerano questo provvedimento un atto arrogante e incivile, che tiene in considerazione solo dei “piccoli” e poco lungimiranti interessi dei balneatori e di qualche bagnante».
La terza azione sarà presentata domenica mattina.

04/07/2009 10.53