Lavoratori della Tiberina in sciopero: «basta infortuni»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1030


ATESSA. Un altro incidente sul lavoro funesta il nucleo industriale della Val di Sangro.
Due lavoratori interinali sono stati travolti da due cassoni.
Il primo ha riportato la frattura della caviglia, mentre il secondo - ferito durante il soccorso del collega - se l'e' cavata con qualche escoriazione.
Sono stati entrambi trasportati e medicati al pronto soccorso dell'ospedale di Lanciano.
«Sono episodi gravi - denuncia la Fiom - perchè in Tiberina Sangro la luce rossa d'emergenza e' accesa da troppo tempo. E' necessario che si intervenga in modo concreto per migliorare la sicurezza all'interno della fabbrica, senza considerare solo la produzione e il profitto»
L'azienda che produce lamiere per la Sevel, il grande stabilimento che produce i Ducato Fiat, negli ultimi tempi, come del resto la maggior parte delle aziende abruzzesi, ha accusato l'onda d'urto della crisi, e nei mesi scorsi non sono mancate tensioni per ritardi nei pagamenti dei dipendenti.
«E' ora che le aziende, Tiberina compresa, inizino ad investire denaro per la vita della gente. – si legge nel comunicato del sindacato - Basta infortuni, basta morti sul lavoro, basta dare priorità alla produzione ed al profitto, ed a tal proposito la Fiom-Cgil indice uno sciopero di due ore in tutti i reparti della Tiberina Sangro».

s.t. 02/07/2009 9.33