Standard & Poor’s: rating "BBB" al Comune di Roseto

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1177

ROSETO. Il rating del Comune di Roseto degli Abruzzi continua ad offrire soddisfacienti performance di bilancio dopo i miglioramenti registrati in termini di cassa e competenza negli ultimi tre anni.

Questo in sintesi il giudizio della Standard & Poor's sulla capacità di credito del Comune di Roseto, che assegna il rating “BBB” e sottolinea che le prospettive sono stabili.
«L'amministrazione apprende con soddisfazione la conferma della stabilità dei dati di bilancio del nostro Comune nel medio periodo, da parte della Standard & Poor's, tra le maggiori agenzie di rating a livello internazionale – sottolinea il vice sindaco e assessore al Bilancio Teresa Ginoble – il giudizio esprime una sostanziale valutazione positiva del lavoro svolto per avere maggiore liquidità e l'impegno a non incrementare il ricorso ai mutui per gli investimenti e quindi a non aumentare il livello di indebitamento dell'Ente. Tuttavia il Comune sconta l'effetto delle limitazioni finanziarie recentemente introdotte dallo Stato in materia di autonomia finanziaria degli enti locali italiani, come sottolineato dalla S. & P. – prosegue il vice sindaco – limitazioni che hanno un impatto notevole sul nostro bilancio che ci fanno registrare la mancanza del segno + alle tre B. tuttavia, come confermato dalla stessa S&P , il Comune di Roseto degli Abruzzi continua ad avere un margine corrente adeguato grazie ad un consolidamento delle entrate correnti e ad un forte controllo sul lato della spesa all'insegna della prudenzialità».
Nella sua valutazione annuale la S&P sottolinea come il rating del Comune di Roseto sia supportato da soddisfacenti risultati di bilancio: «l'agenzia internazionale ha evidenziato l'abilità dell'Ente di adeguare il livello degli investimenti alla propria capacità di autofinanziamento – sottolinea il sindaco Franco Di Bonaventura – il rating infatti scaturisce dall'impegno dell'amministrazione comunale a mantenere il debito stabile, oltre che dal consolidato miglioramento dei tassi di riscossione e pagamento nella gestione corrente. Il nostro impegno quindi ha dato i risultati sperati, nonostante lo scenario internazionale finanziario sia caratterizzato da una tendenza negativa».

25/06/2009 14.22