Grane al comune di Torano Nuovo. «Sindaco incompatibile» e si blocca tutto

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1774

TORANO NUOVO. Il primo consiglio comunale che si sarebbe dovuto aprire a Torano Nuovo di fatto non c'e' stato. Dieci giorni di tempo per risolvere la questione.

Dopo l'esito delle consultazioni elettorali che ha portato il centrosinistra con Dino Pepe nuovamente alla guida del governo locale si è registrato un colpo di scena.
La minoranza ha infatti sollevato una causa di incompatibilità prima dell'inizio dei lavori, una denuncia che ha 'incatenato' il sindaco che e' stato costretto a rinviare la seduta.
La grana piazzata dal candidato del centrodestra Adelina Goldoni, che di mestiere fa il cancellerie penale presso l'ufficio del giudice di pace di Nereto, mette per il momento spalle al muro il primo cittadino.
La Goldoni ha prodotto e messo agli atti una specifica sentenza della corte di cassazione (la numero 1465/95) che dichiara l'incompatibilità tra la carica di consigliere comunale o sindaco e di amministratore o dipendente dell'ente, qual e' Pepe, cui e' affidato il servizio di tesoreria.
Al riguardo esistono anche, secondo la Goldoni, delle circolari del ministero dell'interno.
Conseguenza, a Torano l'amministrazione civica non si e' potuta insediare e , per di più, sono saltati gli altri adempimenti istituzionali in agenda programmati dal sindaco.
Pepe, nei prossimi dieci giorni, dovrà controdedurre rimuovendo le eventuali cause di incompatibilità.

22/06/2009 14.33