Saga, "Pulizie di fine mandato": «cda nel pieno dei propri poteri»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

914

Saga, "Pulizie di fine mandato": «cda nel pieno dei propri poteri»
PESCARA. Il presidente della Saga, Vittorio Di Carlo, chiarisce alcuni aspetti del bando di gara per l'appalto per pulizie, facchinaggio e manutenzione non specialistica.

Nessuna stranezza per il giro nei bagni dell'aeroporto, nessuna contestazione ufficiale (ancora) da parte dei partecipanti e nuovi dettagli arriveranno nei prossimi giorni. Dopo l'articolo di PrimaDaNoi.it la Saga chiarisce alcuni aspetti dell'appalto per la pulizia dell'aeroporto.
«E' una procedura avviata da oltre sei mesi» da un Consiglio di Amministrazione, «ancora oggi, nel pieno dei propri poteri, rispettosa del Codice degli Appalti, e delle norme che vietano le proroghe dei servizi in appalto».
«La conclusione è ormai imminente», annuncia il presidente, «con ben 14 aziende nazionali e locali che hanno deciso di partecipare presentando la propria offerta».
La presa visione dei luoghi ove svolgere il servizio, spiega Di Carlo, «è una precisa disposizione del codice degli appalti per evitare spiacevoli controversie successive all'aggiudicazione della gara e non un “ educational tour”. Se il contratto prevede di pulire le toilette», aggiunge il presidente, «va da se che queste ultime bisogna visitare, del resto non si trattava di una visita di tour operator bensì di aziende che hanno fatto della pulizia il loro “core business”».
E come è stato stimato il costo orario posto a base di gara sul quale alcuni partecipanti hanno avuto da ridire? «E' stato stimato», continua il presidente, «prendendo a riferimento le tabelle concordate tra le organizzazioni imprenditoriali e le rappresentanze dei lavoratori e pubblicate dal Ministero del Lavoro e aumentate del 10%. I lavori sia ordinari che extra è chiaro che saranno pagati a tariffa oraria, altrimenti perché chiederne la quantificazione».
Per quanto riguarda la security «a breve sarà pubblicata la gara relativa che come per quella delle pulizie prevvederà la salvaguardia dei livelli occupazionali».
Di Carlo assicura inoltre che «nessuna protesta o ricorso è pervenuta alla nostra società sul merito della documentazione pubblicata» e gli schemi di disciplinare e contratti allegati alla procedura di evidenza pubblica «sono solo degli schemi, che solo successivamente all'aggiudicazione saranno trasformati in contratti e, quindi, indicheranno le date precise di inizio e fine contratto».
Gli addetti attualmente impiegati, fa sapere sempre il presidente, «sono 7 e ciò è chiaramente esplicitato nella documentazione, altro, come detto sopra, potrà essere il numero di addetti che i partecipanti vorranno impiegare per il servizio».
Per poter partecipare alla gara inoltre, basta possedere i requisiti previsti dalla Legge e dal Bando di Gara e «nessuna distinzione può essere fatta tra piccola, media e grande impresa».
«La nostra azienda», sottolinea Di Carlo, «è solita, quotidianamente, lavorare e rapportarsi con i più diversi interlocutori locali, nazionali ed esteri e l'unica differenza che conosciamo e applichiamo è relativa ai servizi a cui danno diritto i diversi tipi di biglietto aereo: Economic Class, Business Class, First Class e Top Class. La nostra azienda», chiude il presidente, «è da sempre, con attenzione maniacale, impegnata nell'applicazione delle norme essendo concessionaria di servizio pubblico che in oltre 25 anni di attività riteniamo abbia portato solo lustro alla nostra comunità».

19/06/2009 9.14
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=21263]IL NOSTRO ARTICOLO DI IERI[/url]