Ai giovani del Pd la battaglia con le buche: «strade pericolose per scooter»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

861

MONTESILVANO. «L'amministrazione intervenga con la manutenzione prima che accadano incidenti»


«Esistono delle zone di Montesilvano assolutamente off-limits per gli scooter. Passare in quelle strade vuol dire mettere a rischio la propria incolumità».
E' quanto denuncia Luigi Beccia, dei Giovani del Partito Democratico di Montesilvano.
«Siamo ormai in piena stagione estiva e si moltiplica il numero di coloro che per spostarsi scelgono i ciclomotori», continua Beccia.
«La sicurezza dello spostamento su questi mezzi, però, dipende molto più dell'auto dalla qualità del manto stradale che dovrebbe essere il più possibile privo di toppe, buche, avvallamenti e trappole varie causa di rovinose e pericolose cadute».
Tra gli esempi peggiori - continua Luigi Beccia - c'è la zona a nord di Via Vestina verso Città Sant'Angelo, quella compresa tra Via D'Agnese, Via Di Blasio, SS 16, Via Cavallotti, Via Piceni e via Di Vittorio.
La parte iniziale di Via D'Agnese provenendo da Via Di Vittorio ha un ingresso non agevole ed è piena di crepe dell'asfalto molto pericolose per la guida perchè corrono lungo la direzione di marcia. Anche in Via Di Blasio, vicino al complesso abitativo "Il Cormorano", la situazione non è delle migliori con diversi tombini rialzati che spuntano dal manto stradale.
La strada peggiore da percorrere è, però sicuramente Via Cavallotti: arteria importantissima in quanto smaltisce parte del traffico della satura Via Vestina.
« Qui la situazione del manto stradale è paragonabile a quella delle strade di campagna rovinate dal passaggio dei mezzi agricoli a partire dalla nuova rotonda via piceni-lungo fiume fino all'incrocio tra via Cavallotti e la statale. Il paradosso è che questa situazione si verifica intorno a quartieri di nuovissima costruzione».
«Pensiamo - conclude Luigi Beccia - che il concetto di sicurezza comprenda anche il potersi spostare senza pericoli per la propria città. Segnaliamo all'Amministrazione comunale che esistono strade in cui la manutenzione palesemente carente mette a rischio l'incolumità delle persone che girano con i ciclomotori. Chiediamo che si intervenga subito con la manutenzione prima che si verifichino incidenti».

18/06/2009 10.55